Tel: 06/85376501 info@wwftravel.it

Vacanze WWF
 

La primavera al lago di Penne

In primavera, nel lago di Penne, il livello dell’acqua cresce a vista d’occhio, grazie alle nevi che si sciolgono in montagna e che alimentano così il bacino, “dimagrito” nel corso dell’inverno.


La candida neve si rifugia oramai sulle vette più alte del Gran Sasso e del monte Camicia e con lei risalgono di quota anche i Caprioli e Lupi.

Tornano, dall’Africa, le nitticore, una particolare specie di airone di abitudini crepuscolari, che è il simbolo dell’Oasi, istituita negli anni ’80 per tutelare l’unica colonia abruzzese di questo animale. Sulla collina di Collalto ogni tanto ci scruta dall’alto la maestosa Aquila Reale.

I corvi grigi fanno mobbing alle poiane, un comportamento antipredatorio che rappresenta anche una delle forme più estreme di difesa di un animale, che allontana così un potenziale pericolo. Il vasto prato davanti casa è teatro, invece, delle evoluzioni aeree del gheppio.

L’insistente ticchettio del picchio si confonde con i canti degli altri uccelli che fino a qualche giorno fa frequentavano assiduamente le nostre mangiatoie. Adesso le abbandonano e preferiscono boschi, tetti e siepi. La primavera è sinonimo di abbondanza di cibo fresco!

Roverelle, Aceri, Ornielli, Carpini Olmi…. si risvegliano dal torpore invernale esplodendo in una miriade di tonalità di verde… I peschi e i mandorli sono già sfioriti ma si accendono tutti i colori della primavera.

Quasi tutte le notti rientrando a casa dopo il lavoro, incontro lungo la strada il mio amico Tasso. E’ quasi un appuntamento fisso che mi emoziona ancora. Il tempo di salutarlo e, passata la curva, dopo 500 metri quasi sempre mi imbatto in volpi o branchi di cinghiali con i piccoli.

In campagna sono già nati il farro ed il grano e in altri appezzamenti stiamo seminando il girasole. Nella Masseria dell’Oasi ogni anno sperimentiamo la coltivazione di nuove specie tradizionali (cultivar), in modo da recuperare varietà di cereali, leguminose e alberi da frutto ormai rari e in pericolo. Tra i cereali è stato riscoperto il ruolo di quelli più antichi quali farro (con una produzione che supera i mille quintali l’anno), grano tenero, orzo mondo, orzo distico e segale, tra le leguminose cicerchia, lenticchia e cece, con ottimi risultati per entrambe le colture.

L’orto fornisce già le prime fave ed è quasi tempo di piantumazione per pomodori, zucchine e melanzane.

Il sottobosco è brillante e spuntano gli asparagi un po’ dappertutto.

La scorsa settimana nei nostri box è nato un piccolo puledrino vivacissimo. Non gli abbiamo ancora dato il nome; sarà compito dei partcipanti alle Vacanze WWF a sceglierlo questa estate! Qui a Penne abbiamo comunque 10 cavalli, un mulo, un asino e due puledri!

Da diversi giorni stiamo facendo manutenzione al sentiero natura ed all’area floro-faunistica. La Riserva di Penne comprende 4 Sentieri Natura, di lunghezza diversa, per un totale di circa 16 km.

I sentieri sono tutti facilmente percorribili, in terra battuta oppure con passerelle in legno, non presentano alcuna difficoltà e sono in gran parte percorribili anche da persone con disabilità motorie. Lungo i Sentieri, osservatori naturalistici e pannelli didattici permettono di ammirare e conoscere la fauna e la flora presenti nell’area.

Domani ripristiniamo il percorso sensoriale per i bimbi, che abbiamo creato per fare sentire la natura ai nostri visitatori utilizzando i nostri 5 sensi.

Dai, veniteci a trovare!

 Le attività del WWF nell’Oasi di Penne

Il Campo estivo WWF per i bambini 7-11 anni

Il Campo estivo WWF per i bambini 11-14 anni

La vacanza in famiglia nell’Oasi

PER APPROFONDIRE

L’Oasi WWF di Valmanera

 I Week end di WWF NaTuRe

Le strutture proposte da WWF NaTuRe

Week end nella natura della Maremma

Un weekend speciale: la Riserva marina di Miramare, il Carso e Trieste!

Week end nella Natura: scoprire le zone umide!

Week end nella Natura: scopri l’Oasi di Valle Averto!

Weekend in Natura: l’Oasi di Alviano nella verde Umbria

Natura romana: l’Oasi di Macchiagrande!

Weekend in Natura: l’oasi della lontra

Guida Segreta ai Paradisi Naturali d’Italia e altro…..

Weekend nella Natura, nell’Oasi WWF Le Bine

Weekend Natura: nelle Langhe dell’astigiano tra Natura e delizie varie

Week end e viaggio nella Natura : l’Oasi WWF di Le Cesine e il Salento

Weekend nella Natura: scopriamo la biodiversità e i paesaggi del Bel Paese

Caprioli a 30 Km dalla madonnina: ecco il Bosco di Vanzago

 .

Scritto da Dario Ricci

Sognatore, perito agrario, quasi dottore forestale e due volte papà. Dopo 18 anni di "vagabondaggio costruttivo" in giro per l'Italia dei Parchi, sempre impegnato nell'educazione ambientale, nel 2006 all'età di 30 anni, riapproda nella natia Penne dove con la coop. Samara coordina e gestisce le attività del CEA A. Bellini.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description