Tel: 06/85376501 info@wwftravel.it

Vacanze WWF
 

Impronta del turista

Il turismo: un’arma a doppio taglio che può salvare o distruggere la natura. Dipende da come viene gestito.


Se in qualche luogo le masse immense dei turisti (903 milioni di arrivi internazionali nel 2007, il 6,6% in più rispetto al 2007) possono annichilire le culture locali, devastare ambienti intatti, invadere parchi nazionali attentando alla loro wilderness, va anche detto che questa attività (complessivamente un giro di affari, a livello mondiale, di 650 miliardi di euro nel 2007 che offre lavoro a decine di milioni di persone) deve essere anche lo stimolo principale per la conservazione dell’ambiente.

Non vi sarebbero, oggi, parchi nazionali nel Terzo Mondo se essi non attivassero flussi notevoli di ecoturismo e, in conseguenza, di valuta pregiata. Nessuna forza al mondo impedirebbe ai governi africani o indiani, sudamericani o del sudest asiatico di destinare all’agricoltura per le loro masse affamate le savane, le giungle, le paludi, le foreste oggi adibite a parco nazionale.

E solo la presenza di turisti seawatchers fa si che le barriere coralline nelle Filippine come nelle Seychelles, alle Maldive come in Madacascar siano difese dai pescatori locali, dai cacciatori subacquei, dai raccoglitori di madrepore e di conchiglie.

Perciò il turismo deve sempre di più divenire un turismo sensibile e delicato, rispettoso dei luoghi e delle culture locali, di evasione e non di invasione.

Così, in tutto il mondo il WWF sta cercando di indirizzare il turismo verso queste nuove linee.

A ogni persona in partenza per le vacanze sono destinati questi suggerimenti per una vacanza amica dell’ambiente e delle comunità che ci ospitano. Abbiamo voluto fornire una serie di informazioni sui problemi che il turismo, assieme ad altre industrie, sta provocando nel nostro pianeta.

Non si tratta di “criminalizzare” quindi chi, con la valigia, la borsa o lo zaino in mano o sulle spalle si appresta a partire per le meritate vacanze, ma di far capire che è importante cercare di “cambiare rotta” e non commettere più certi errori del passato.

Seguendo alcune semplici consigli che forniamo, anche chi viaggia potrà così contribuire a salvare la natura e ad avere un rapporto ottimale con le culture che si stanno visitando. In questo modo chi partirà successivamente , potrà godere al pari di noi, delle bellezze di questo nostro Pianeta.

 

Fulco Pratesi.

Scritto da WWF Nature

WWF Nature è il programma di turismo responsabile naturalistico di WWF Ricerche e Progetti, che gestisce la carta di qualità del WWF Italia sul turismo responsabile e ne monitora l'applicazione, da parte dei Tour Operator e fornitori locali di servizi turistici ed educativi che realizzano le attività presentate su questo portale.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description