Tel: 06/85376501 info@wwftravel.it

Vacanze WWF
 

Bambini e Natura – Il “museo” casalingo

Anche la relazione dei bambini con gli oggetti ed i materiali raccolti in natura è un mondo affascinante di ricerca e scoperte, indagato da illustri studiosi. I bambini entrano in relazione col mondo attraverso il contatto con i corpi e con le cose. La tattilità dei materiali è una forma di conoscenza della realtà. In natura, gli oggetti e le cose vengono raccolti dai bambini con stupore, prelevati da terra con grande piacere, selezionati intenzionalmente e spesso riposti nelle loro tasche che diventano un deposito variegato e segreto, ricolmo di cose.


Come bene evidenzia Franca Zuccoli, “nell’atto del raccogliere, aggiungere ad altri oggetti, e del successivo classificare, ordinare e collezionare sono celati criteri specifici di ciascun bambino, inconsapevoli e non dichiarati, che rimandano al loro mondo interiore”. Ma in questo prelievo di oggetti, cose, cianfrusaglie, legni, sassi, insetti, ….quale realtà preleva il bambino dal mondo speciale della natura?

Ed anche per gli adulti cosa sono dunque queste cose?

L’indagare, quasi come dall’alto di un osservatorio, gli incontri, gli spostamenti, gli affascinanti trafficamenti e gli inediti dialoghi che bambini e ragazzi operano nei loro contatti con la natura, nelle loro immersioni e negli attraversamenti, è un’area di ricerca ancora aperta. Come bambini e ragazzi incontrano la natura? Come apprendono nella natura? Quali sono le paure, le emozioni, le intelligenze nascoste e le potenzialità dei contesti naturali?

Per rispondere è necessario conoscere gli ecosistemi naturali ma soprattutto i bambini ed i ragazzi di oggi: nuovi, diversi, nativi digitali, come li definisce Andrea Ferri, cioè immersi nella realtà digitale che sta cambiando il modo di apprendere, di gestire l’informazione e di comunicare. E’ necessario prefigurare nuove soglie di esperienza in natura, di apprendimento dalla natura e dall’avventura capaci di ibridare e sostenere i diritti naturali dei bambini e delle bambine accanto ad una nuova poetica del digitale.

Che cosa ti portavi a casa dalle tue scorribande in Natura da bambina/o? Conservi ancora questi oggetti? I tuoi figli che cosa vogliono portare a casa? Lo consenti?

 

Tutti gli articoli su Bambini e Selvatichezze:

Parte 1 – La necessità di nuove soglie di esperienza

Parte 2 – Alla ricerca del Bello. Il Bello però è rischioso?

 

L’intervista

Salvatore Sica, psicologo, psicoterapeuta e docente universitario, ci illustra i meccanismi di relazione degli adolescenti con l’ambiente naturale e sociale che li circonda e l’influenza che ha sull’evoluzione della personalità. L’intervista è stata realizzata durante il “Seminario educazione e turismo del WWF Italia” a Recanati, 2-4 marzo 2012.

 

LEGGI ANCHE:

Bambini in natura – Sviluppiamo i nostri sensi!

Natura in città: realizziamo le mangiatoie per gli uccelli

Natura & bimbi in città: misuriamo il vento e l’inquinamento

Natura & bimbi in città: gli ambasciatori del freddo!

Natura & Bimbi in città giochiamo con le foglie/2

Natura & Bimbi in città: giochiamo con il vento!

Natura & Bimbi in città: giochiamo con il sole e con le nubi

Natura & Bimbi in città: costruiamo una stazione meteorologica

Bambini in natura: la Natura non è solo nel Parco!

Bambini in Natura: la Natura dentro e fuori casa

Bambini in Natura: la Natura in Tasca

Bambini in Natura: l’essenziale per crescere!

Bambini in Natura: come portare a casa la natura lasciandola dov’è

Bambini in Natura: giochiamo con le foglie!

Bambini in Natura – Impariamo a vedere la natura in città!

Bambini in Natura – La necessità di nuove soglie di esperienza

Bambini in Natura – Alla ricerca del Bello. Il Bello però è rischioso?

Educazione ambientale: L’ultimo bambino nei boschi

Bici in Famiglia: 10 motivi per andare in bicicletta con i propri figli!

Come insegnare a un bambino ad andare in bicicletta!

 

 

.

Scritto da Federica Di Luca

Federica è educatrice e responsabile CREDIA WWF (il primo Centro di Ricerca Educativa, Documentazione Interculturale ed Ambientale del WWF Italia) e amministratrice della società agricola e Fattoria del Panda "La Quercia della Memoria". Ha partecipato direttamente ai campi WWF da adolescente, è stata animatrice, capo-campo, e responsabile Campi della cooperativa Il Grande Albero.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description