Tel: 06/85376501 info@wwftravel.it

Vacanze WWF
 

Weekend in Natura: l’Oasi di Alviano nella verde Umbria

L’Oasi di Alviano è  una delle Oasi più grandi del WWF. L’Oasi fa parte del Parco fluviale del Tevere, Parco Regionale dell’Umbria, che comprende anche il Lago di Corbara e le Gole del Forello. Comprende tutti gli ambienti tipici delle zone umide ad acqua dolce: palude, stagno, acquitrino, marcita, bosco igrofilo, tra i più estesi tra quelli appenninici. Alcuni ettari sono rappresentati da campi coltivati.


airone guardabuoi_cavalli_ACapocciaLa riserva si trova al limite del confine tra Lazio ed Umbria. Nei mesi di ottobre e novembre non è difficile vedere specchi d’acqua che brulicano di uccelli e, in tutta l’area, se ne possono contare sino a 7000! E’ il periodo in cui 300 cormorani si fanno osservare nelle suggestive evoluzioni messe in atto per pescare.
Due i sentieri natura
per vistare l’oasi per un totale di circa 4 chilometri. Il primo, ad anello, presenta un percorso
OLYMPUS DIGITAL CAMERA molto semplice, adatto a tutti. Nel secondo non è prevista visita guidata e, in alcuni capanni, sono messi a disposizione cannocchiali per l’avvistamento. I binocoli sono disponibili a noleggio. L’Oasi è aperta al pubblico per le visite dal 1 settembre al 31 maggio, la domenica e i festivi, dalle ore 10:00 fino al tramonto. Chiusa il 25 e 26 dicembre e il 1 e 6 gennaio.

La Foresta Fossile di Dunarobba venne alla luce verso la fine degli anni ’70, all’interno di una cava di argilla destinata alla fabbricazione di mattoni per l’edilizia.
foresta fossileI resti dei circa cinquanta tronchi di gigantesche conifere attualmente visibili costituiscono un’eccezionale e rara testimonianza di alcune essenze vegetali che caratterizzavano questo settore della penisola italiana nell’arco di tempo compreso fra i 3 e i 2 milioni di anni fa, cioè nel periodo geologico noto come Pliocene.

250px-Cascatemarmore

La Cascata delle Marmore la più alta d’Europa, inserita in un contesto naturale di rara bellezza, costituisce certamente uno spettacolo straordinariamente affascinante e suggestivo. Le acque del fiume Velino precipitano, lungo tre salti, dalla rupe di Marmore nell’alveo del sottostante fiume Nera, per un’altezza complessiva di 165 metri!

Amelia. Di grande bellezza è il paesaggio dell’Amerino, costituito da dolci colline ondulate e luminose, variopinte dalle tante specie vegetali che vi crescono. La cittadina di Amelia sorge arroccata su un colle roccioso alle cui pendici si estendono distese di lecci ed ulivi, interrotti dal solo serpenteggiare del fiume Tevere.

260px-Todi_piazza_del_popolo_2Il nucleo umbro-etrusco di Todi si ergeva originariamente tra i due picchi del colle, ora occupati dal Duomo e dalla chiesa di San Fortunato. La cattedrale di Santa Maria Assunta è affacciata su piazza del popolo, una delle più belle realizzazioni urbanistiche del Medioevo in Italia. La chiesa risale al XII secolo . Il palazzo del Podestà, uno dei più antichi d’Italia (1241-28) è affiancato dal palazzo del Capitano (1293) in stile gotico.

In posizione dominante, l’antico borgo di Alviano è caratterizzato dalla mole quadrangolare della Rocca: recentemente ristrutturata, è il centro della vita comunale. Nel Quattrocento, nei sotterranei del castello, fu costruita una fonderia di cannoni, la più importante fabbrica di armi in Umbria. Le grandi sale a volta del sotterraneo accolgono il Museo della Civiltà contadina; sono stati ricostruiti alcuni ambienti della casa rurale, come la cucina, con arredi e strumenti d’epoca .

260px-Narni_Panorama_con_Rocca_dellAlbornozSituata in cima a un colle, in posizione panoramica sulla gola del Nera e la piana di Terni, Narni è una cittadina d’impronta medioevale che conserva capolavori dell’arte di quel periodo. Il Duomo ne è un esempio: risale al XI-XI secolo e presenta una duplice facciata con un portico rinascimentale del ‘400, sotto il quale si trova il portale maggiore romanico. Notevole la piazza dei Priori, con una fontana del 1303 e il palazzo del Podestà.

.

Scritto da WWF Nature

WWF Nature è il programma di turismo responsabile naturalistico di WWF Ricerche e Progetti, che gestisce la carta di qualità del WWF Italia sul turismo responsabile e ne monitora l'applicazione, da parte dei Tour Operator e fornitori locali di servizi turistici ed educativi che realizzano le attività presentate su questo portale.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description