Tel: 06/85376501 info@wwftravel.it

Vacanze WWF
 

Natura & Bambini in città: giochiamo con il vento!

Ecco un altro modo per fare vivere la natura in città ai nostri bambini, anche se … la Natura non c’è!  Abbiamo già avuto modo di giocare con il sole e con il cielo; giochiamo ora con il vento,  attraverso le nuvole!


come-realizzare-un-nuvoloscopio_95fc7d76bfb1024895baaf38a72b5e53Le nuvole sono infatti trasportate dal vento e dalle correnti, però a occhio nudo non è sempre facile osservare il loro movimento. Per questo c’è un attrezzo molto facile da costruire e molto divertente che si chiama “nuvoloscopio” che viene costruito anche in alcuni campi di wwfnature!
Si tratta in pratica di una superficie riflettente, come uno specchio, con i punti cardinali che ci permette, guardando verso il basso, di vedere il cielo riflesso e verso quali punti cardinali si stanno muovendo le nuvole.

Per costruirlo occorre uno specchio o un pezzo di vetro, su cui applicare un foglio nero sul retro, in modo che si riflettano le immagini. Il vetro va poi incollato su un cartoncino  spesso  o un pezzo di legno di maggiori dimensioni, in modo da creare, attorno,  una cornice . Sulla cornice vengono poi disegnati i punti cardinali.

Con il nostro “nuvoloscopio” ci appostiamo all’aperto orientandolo in modo corretto, osservando comodamente le nuvole e il loro movimento. Movimento che, ad occhio nudo, è difficilmente percepibile; questo accorgimento ci permette, però, di capire la direzione del movimento del fronte di nuvole e da dove arrivano, permettendoci di fare oltre a un’attività di meteorologia anche di geografia.
I venti che trasportano le nuvole sono uno degli elementi naturali più importanti perché modellano il paesaggio; sono poi importanti in meteorologia e possono essere fondamentali, ad esempio, per purificare l’aria delle nostre città dagli inquinanti. Sono anche, a loro volta, un bellissimo argomento di esplorazione.

Sul nostro terrazzo, in un punto abbastanza esposto, possiamo mettere una banderuola per scoprire l’orientamento del vento o un piccolo anemometro con delle coppe che girano, per cercare di capire la velocità.
I venti hanno un nome, a seconda della loro provenienza: questi nomi danno origine alla Rosa dei venti, cioè quell’insieme di punti cardinali e nomi dei venti che spesso viene trattato quando si parla di mare e di navigazione.
scala di beaufort dueOstro, maestrale, tramontana, libeccio, grecale, oltre a essere nomi evocativi che fanno pensare ad avventure in giro per il Pianeta, sono venti che hanno caratteristiche in genere di umidità e temperature differenti, sono legati a sensazioni di maggiore o minore benessere e caratterizzati da una forza del vento differente.

Un altro strumento per scoprire da quale parte arriva il vento è il classico filo di lana,  che viene usato a volte nelle barche a vela; fissato a un paletto, vola e si orienta a seconda della direzione del vento o della brezza.

Ho parlato di brezza perché un altro elemento interessante è la forza che ha il vento. Il vento può essere, appunto, una leggera brezza che muove semplicemente un filo di fumo che esce dal camino, oppure increspa leggermente le onde del mare per arrivare a una tempesta o a un uragano.

Per misurare la forza del vento, sia sulla terraferma che sul mare, c’è la scala di Beaufort: a ogni caratteristica, come ad esempio le foglie degli alberi che tremolano o l’albero si piega, riferimenti cioè ad osservazioni che possono essere compiute in ambiente, per collegarle alla forza del vento.

 

SCOPRI COME REALIZZARE UN NUVOLOSCOPIO

SCOPRI I CAMPI JUNIOR DI WWF NATURE

SCOPRI LE ATTIVITA’ DEL WWF DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E PER IL  MONDO DELLA SCUOLA

LEGGI ANCHE:

Bambini in natura – Sviluppiamo i nostri sensi!

Natura in città: realizziamo le mangiatoie per gli uccelli

Natura & bimbi in città: misuriamo il vento e l’inquinamento

Natura & bimbi in città: gli ambasciatori del freddo!

Natura & Bimbi in città giochiamo con le foglie/2

Natura & Bimbi in città: giochiamo con il sole e con le nubi

Natura & Bimbi in città: costruiamo una stazione meteorologica

Bambini in natura: la Natura non è solo nel Parco!

Bambini in Natura: la Natura dentro e fuori casa

Bambini in Natura: l’essenziale per crescere!

Bambini in Natura: come portare a casa la natura lasciandola dov’è

Bambini in Natura: giochiamo con le foglie!

Bambini in Natura – Impariamo a vedere la natura in città!

Bambini in Natura – La necessità di nuove soglie di esperienza

Bambini e Natura – Il “museo” casalingo

Bambini in Natura – Alla ricerca del Bello. Il Bello però è rischioso?

Educazione ambientale: L’ultimo bambino nei boschi

Bici in Famiglia: 10 motivi per andare in bicicletta con i propri figli!

Come insegnare a un bambino ad andare in bicicletta!

 

 .

Scritto da WWF Nature

WWF Nature è il programma di turismo responsabile naturalistico di WWF Ricerche e Progetti, che gestisce la carta di qualità del WWF Italia sul turismo responsabile e ne monitora l'applicazione, da parte dei Tour Operator e fornitori locali di servizi turistici ed educativi che realizzano le attività presentate su questo portale.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description