Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

Vacanze WWF
 

Porrettana: viaggiare lento nell’Appennino veloce – 2

b235a32a656a9036c174f3ea74b1068e_Generic

Riattraversiamo con lentezza le transappenniniche settentrionali, lungo le antiche vie che collegano il Nord Italia dal resto della Penisola. Sentieri, mulattiere, crinali e tratte ferroviarie! Oggi Maurizio Bacci ti presenta la Porrettana!



MAUB8936Porrettana

Con 99 km a binario unico tra Pistoia e Bologna, la Porettana è stata una delle prime linee a scavalcare l’Appennino.
Inaugurata nel 1864, oggi è ferma, in attesa di imminenti lavori di rifacimento della linea a seguito degli eventi franosi dello scorso anno.

Per tanto tempo questo treno è stato il mezzo preferito per il turismo termale, portando i passeggeri dai due capoluoghi verso la cittadina di Porretta Terme (BO), che dà il nome alla ferrovia.

La località, già conosciuta dai Romani per le sue acque termali sulfuree, è il centro più vitale e turistico dell’intera tratta. Il punto più alto si registra nella stazione di Pracchia (PT), con una quota di 617 m. Da qui, fino al 1965, dipartiva la Ferrovia dell’Alto Pistoiese (FAP), 16 km a scartamento ridotto che portava i passeggeri fino a Mammiano nel comune di San Marcello Pistoiese; con una piacevole escursione giornaliera, si può ancora percorrere il tracciato.
PiteccioPorrettana_PT-BO_04Le stazioni di Pracchia e San Mommè ricadono nel territorio della Montagna Pistoiese, ricoperta da estese foreste di altofusto, regno di castagni e palestra di vita per carbonai, scalpellini e maestri dell’antica lavorazione del ghiaccio.

Montagne nei cui sottoboschi o versanti sono spontanei mirtilli, more, lamponi e fragole; luoghi ideali per pascoli puliti e per la produzione del pecorino al latte crudo della Montagna Pistoiese. Questa importante linea transappenninica, con borghi densi di storia, nasconde una grande mescolanza di saperi artigianali, storie e dialetti. Materia narrativa di un artista come Francesco Guccini, che ha dedicato a questi luoghi nativi, molte delle sue opere, musicali e letterarie.
A proposito di musica, ricordiamo anche il mitico viaggio di John Cage sui vagoni della Porrettana nel 1978 verso il Festival Soul di Porretta Terme.
Fu uno spettacolo di suoni e di entusiasmo, tra musica che riproduceva le conversazioni dei passeggeri e i cigolii dei convogli, con canti e balli a ogni stazione intermedia.

Continua…..

I POST DI MAURIZIO BACCI NEL BLOG WWF NATURE

Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 1
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 2
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 3
Viaggiare nella Natura – Laghi che passione/1
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/2!
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/3
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 1a Puntata
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 2a Puntata
Turismo lento: il Parco dal finestrino
Ecoturismo a scartamento ridotto
Sulla neve senz’auto – Parte I
Sulla neve senz’auto – Parte 2
Ecoturismo in canoa-1
Ecoturismo in canoa-2

Scritto da Maurizio Bacci

Maurizio Bacci (1960), primo laureato in Italia in Ingegneria Ambientale (1986). Esperto in riqualificazione fluviale, VIA, ingegneria naturalistica, turismo e mobilità sostenibili, efficienza energetica, modelli di vita a basso effetto ambientale, fotografia naturalistica, escursionismo. Ha lavorato per UE, ministeri, regioni, enti territoriali, università, editori, società, ONG. E' amministratore e direttore tecnico della società IRIS (irisambiente.it). Collabora col WWF Italia dal 1979 e attualmente è consigliere nazionale. E' ideatore dei network turismointreno.it e h2oltre.com (educazione ambientale percettiva e creatività multiartistica).

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description