Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

Vacanze WWF
 

Volontariato: a Fethiye una vita senza confini!

6b1c619be8b23a102b3cd1b7967289e5_Generic

Amante degli animali e dell’avventura, Miranda è andata come volontaria a Fethije, in Turchia, per vivere l’armosfera di questo splendido posto e a lavorare in un progetto per valorizzare il Bird Paradise. Che cos’è? Leggilo e lo scoprirai!


Se qualcuno mi avesse descritto la Turchia come sto per descriverla ora, non ci avrei creduto. L’idea, condivisa un po’ da tutti, è quella di un paese diffidente e molto religioso. Ma come ho fatto a cambiare questa visione in maniera così drastica? Ho partecipato ad un progetto europeo sul birdwatching proprio in Turchia, a Fethiye! Questa bellissima città di circa 60.000 abitanti si trova a sud nella provincia di Muğla, è un compromesso perfetto tra la quiete del paese e le comodità di una grande città: centri commerciali, nightlife, turismo…non si fa mancare proprio nulla! Ma ciò che colpisce è l’estremo relax e la gentilezza con cui gli abitanti svolgono il proprio ruolo: che sia il barista di un bellissimo locale sulla riva del mare o l’uomo d’affari in giacca e cravatta che si sta recando in banca.
Bird_Paradise1Aggiungete a questa visione celestiale della città un piccolo angolo di paradiso nella zona periferica di questa , chiamato appunto Bird Paradise. È proprio questo il luogo dove ci recavamo con esperti per svolgere le nostre attività di birdwatching: in silenzio, con passo felpato e cercando di non far rumore sfogliando le pagine del taccuino di riconoscimento, tentavamo di identificare gli uccelli che erano a pochi metri da noi. Nel provare a fare ciò, prendevamo in considerazione non solamente colore, forma e dimensione ma anche il comportamento sociale. Data la tranquillità del luogo sono presenti numerose specie, soprattutto aironi: la nitticora di medie dimensioni di colore bianco, la simpatica sgarza ciuffetto che cambia colore delle zampe e del becco nel periodo riproduttivo e il maestoso airone rosso con la sua apertura alare che può arrivare al metro e 50. Spicca sull’azzurro del Bird Paradise per i suoi colori scuri, il mignattaio così come il chiurlo maggiore.

smartgear_seaturtleswimming_Un bellissimo uccello variopinto è il gruccione, i cui colori sfumano dal giallo al nero e dal verde al marrone. Gli uccelli elencati fino ad ora possono essere osservati in inverno e primavera poichè alcune specie sono assenti in estate. Osservando attraverso il binocolo, non solamente uccelli, ma anche il panorama comprendente vari siti turistici , ci accorgiamo di un lento movimento delle onde del mare…erano delle tartarughe marine! Le Caretta caretta sono molto diffuse nel Mar Mediterraneo quindi la loro presenza si diparte tra l’Italia, Turchia, Grecia e Cipro.

La gioia più grande è stata vederle al porto della città, mi ha portata a pensare che il livello di pulizia era tale da non impedire il passaggio di questi meravigliosi rettili. Uno dei problemi che devono affrontare, infatti, è morte per soffocamento causato da buste o reti gettate in mare da marinai, turisti e cittadini. Per questo molte associazioni si impegnano per la loro salvaguardia, come Greenrope che con il Wwf Taranto (in collaborazione con Rarovet e Legambiente Maruggio) ha dato vita ad un’iniziativa chiamata Turtle Guardians che darà la possibilità a giovani volontari di monitorare la spiaggia di Campomarino, nel periodo estivo, per cercare eventuali nidi di Caretta Caretta e soprattutto sensibilizzare i bagnanti su questo tema.
OludenizMa ritorniamo a Fethiye , anzi per la precisione a Oludeniz, una delle spiaggie più belle della Turchia. Ammagliata dal colore del mare, non blu ne verde ma azzurro, osservavo con meraviglia il panorama naturale che mi circondava senza sapere che, solo un’ora dopo, avrei guardato quello stesso panorama a 1960m di altezza. Ho coronato la mia esperienza di birdwatching, guardando non più con il binocolo ma con i miei occhi ciò che loro vedono ogni giorno…come? Ho fatto parapendio!

Da quell’altezza potevo osservare la spiaggia di Oludeniz , Fethiye e anche la Butterfly valley (il nome è da ricollegarsi alle 105 specie di farfalle che è possibile trovare lì). Il progetto aveva come scopo quello di creare dei cartelloni che potessero essere inseriti all’entrata del Bird Paradise perché, strano a dirsi, questo luogo è meta solo di esperti e di pochissimi abitanti che lo conoscono! Il mio viaggio si è concluso poi a Izmir dove ho avuto il piacere di essere scortata da ben 5 cani che avevano preso in simpatia me e il mio gruppo, strano avere così tante attenzione da cani randagi che in Italia spesso sono diffidenti perché vittime di maltrattamenti.
Bird_Paradise3Mi sono chiesta il motivo di questa simpatia verso gli umani che si accosta subito a comportamenti propri di cani che hanno una casa e abituati, quindi, alle coccole dei padroni…poi mi hanno dato una risposta: la Turchia tiene molto al benessere di cani e gatti e quindi è nella loro cultura rispettarli e curarli, basti pensare che in ogni parco o molto spesso davanti a case e condomini si trovano ciotole d’acqua e cibo.Tutto quello che ho vissuto, i luoghi che ho visto, la gente che ho conosciuto hanno permesso di abbattere quei pregiudizi che purtroppo tutti, anche inconsciamente, abbiamo sui paesi dell’Est. E sarà per il titolo del progetto “Life without boundaries” (una vita senza confini), il rispetto per l’ambiente e la natura, la gentilezza con cui i turchi approcciano, la dolcezza con cui trattano gli animali, che mi sono approcciata a scrivere questo articolo per contribuire ad abbattere quei “boundaries” che ,altrimenti, non ci farebbero scoprire del tutto un mondo bellissimo!

IzmirCONSIGLI PRATICI
Come sei arrivata a Fethiye?
Volo low-cost della Lufthansa Napoli-Monaco , Monaco-Izmir. Una volta fuori dall’aeroporto di Izmir , bus per Fethiye al costo di 20 euro (all’interno di questo era presente un cameriere che serviva cibo e bevande gratuitamente). Vi è un aeroporto più vicino ,quello di Dalaman, che ha un costo inferiore se si parte dal Nord dell’Italia.

-La loro religione , per noi occidentali, è un problema?
Assolutamente no, la visione della donna musulmana con il velo è ormai, in parte, superata. Tra le ragazze della mia età, ne ho viste pochissime con il capo coperto e inoltre anche i vestiti (gonne, maglie corte e jeans aderenti) che utilizzano sono del tutto occidentali!

-Tradizioni e gentilezze
In quasi tutti i locali viene servito gratuitamente del tè turco in bicchieri tradizionali per un gesto di ospitalità, serve a trattenere di più il cliente. Questa bevanda viene accompagnata da zollette cubiche di zucchero ed è nettamente preferita al famoso caffè turco. Inoltre, nei ristoranti è possibile chiedere una coperta in pile se si ha freddo, a costo zero…naturalmente!

-Come partecipare ad un progetto europeo?
Si può fare una richiesta diretta tramite vari siti che si occupano proprio di scambi europei oppure affidarsi ad associazioni che fanno da “tramite” come Greenrope. Nata in Puglia dalla passione di un gruppo di ragazzi, periodicamente questa associazione pubblica dei bandi di partecipazione a progetti europei a cui i tesserati possono fare richiesta , la maggior parte delle volte il viaggio viene rimborsato al 70% (altre volte al 100%) e il costo di vitto e alloggio è sempre 0. Tesserandosi è possibile partecipare a progetti pugliesi che si ispirano alla natura e alla scoperta del territorio, conoscere nuove persone con cui condividere queste bellissime esperienze. A tutti i ragazzi che stanno leggendo questo articolo consiglio di partire , esperienze del genere cambiano la vita, aiutano a conoscere se stessi e le proprie potenzialità!

Qui di seguito il sito http://www.greenropeitalia.org/diventa-volontario.html

NATURA E VOLONTARIATO, LEGGI ANCHE: 

Come diventare volontario per il WWF all’estero

Yellowstone NP: ecco come lavorare nel parco più antico del mondo!

Volontario in Madagascar, tra Conservazione e Sviluppo

Natura & Volontariato: il mio Madagascar

Natura & Volontariato: Il mio Paraguay

Fiji: volontariato tra squali e una Natura incontaminata!

Scritto da Miranda Ventrella

Per conoscermi, la parola chiave è avventura. Quest'ultima è una costante in tutto ciò che faccio, che farò e in tutti i viaggi che intraprendo. Sarà per il mio sogno ,cioè quello di diventare etologa e studiare i grandi felini africani, o forse per un gene ereditato dai miei genitori ? Per adesso sono al secondo anno di Scienze animali e produzioni alimentari a Bari , sono vegetariana e attivista per l'associazione EssereAnimali

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description