Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

Vacanze WWF
 

Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/1!

f64b0864e862d3c122851be4770d6e9a_Generic

Nel nostro immaginario il lago rimane un luogo suggestivo, che evoca il silenzio, il mistero e la contemplazione. Eppure per molti italiani la vacanza al lago resta ancora fuori dalle mete preferite.


Gli ultimi dati messi a disposizione dall’Osservatorio del turismo, riferiti al 2013, ci dicono che le località lacustri vengono scelte da appena il 7% dei viaggiatori, un dato in aumento, ma che denota ancora una scarsa conoscenza delle nostre meraviglie.

E pensare che tra i paesi del Mediterraneo è proprio l’Italia quello con il maggior numero di laghi, sparsi da Nord a Sud in ogni regione. Luoghi ideali per ogni tipo di vacanza naturalistica, da quella più poetica e meditativa a quella più dinamica e sportiva, che permette di praticare nuoto, canoa, vela, windsurf o escursioni a piedi lungo le rive o i boschi che li circondano.

TrenoLecco-Colico_MAUB7222bNel nostro viaggio nella natura dei laghi italiani abbiamo selezionato alcune mete particolarmente suggestive, individuando i mezzi di trasporto più ecosostenibili per raggiungerle, come il treno o la bicicletta, e presentandole come luoghi di incontro con una flora e una fauna da conoscere e salvaguardare. Prepariamoci a un viaggio ricco di poesia, che questi luoghi dell’anima sono ancora in grado di regalarci.

Treni e cigni: verso i laghi del Nord
Il nostro viaggio parte dalle Alpi Marittime, su un treno con trasporto bici della linea Torino-Cuneo-Ventimiglia- Nizza. Il convoglio percorre la spettacolare Valle Vermenagna e passa per Vernante (Cn). Da qui, con un’escursione di circa tre ore, si arriva al Lago del Vej del Bouc (2054 m), famoso per la bellezza dell’ambiente e per alcune misteriose incisioni rupestri.

In Lombardia, col treno possiamo scorrere le affascinanti vedute del Lago di Como, per poi salire da Colico (Lc) sul treno per Chiavenna per giungere, dopo 12 km, alla Riserva naturale pian di Spagna e al Lago di Mezzola. Attorno a questa «zona umida di interesse internazionale » tutelata secondo la Convenzione di Ramsar, è possibile fare passeggiate naturalistiche e soprattutto praticare il birdwatching, grazie al cigno reale, nidificante stabile, e alle numerosissime specie migratorie che si fermano qui per riposare.

Per approfondire:

www.parcoalpimarittime.it
www.parks.it/riserva.pian.di.spagna.mezzola

I POST DI MAURIZIO BACCI NEL BLOG WWF NATURE

Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 1
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 2
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 3
Viaggiare nella Natura – Laghi che passione/1
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/2!
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/3
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 1a Puntata
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 2a Puntata
Turismo lento: il Parco dal finestrino
Ecoturismo a scartamento ridotto
Sulla neve senz’auto – Parte I
Sulla neve senz’auto – Parte 2
Ecoturismo in canoa-1
Ecoturismo in canoa-2

 

Scritto da Maurizio Bacci

Maurizio Bacci (1960), primo laureato in Italia in Ingegneria Ambientale (1986). Esperto in riqualificazione fluviale, VIA, ingegneria naturalistica, turismo e mobilità sostenibili, efficienza energetica, modelli di vita a basso effetto ambientale, fotografia naturalistica, escursionismo. Ha lavorato per UE, ministeri, regioni, enti territoriali, università, editori, società, ONG. E' amministratore e direttore tecnico della società IRIS (irisambiente.it). Collabora col WWF Italia dal 1979 e attualmente è consigliere nazionale. E' ideatore dei network turismointreno.it e h2oltre.com (educazione ambientale percettiva e creatività multiartistica).

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description