Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

Vacanze WWF
 

Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/3!

40eea965efdcfb7f2cf48e2873e29681_Generic

Nel nostro viaggio nella natura dei laghi italiani abbiamo selezionato alcune mete particolarmente suggestive, individuando i mezzi di trasporto più ecosostenibili per raggiungerle, come il treno o la bicicletta, e presentandole come luoghi di incontro con una flora e una fauna da conoscere e salvaguardare. Prepariamoci a un viaggio ricco di poesia, che questi luoghi dell’anima sono ancora in grado di regalarci. 3a e ultima puntata

Etruria tra oasi e vulcani

LaghiPartendo da Roma possiamo salire su un treno regionale in direzione Pisa e scendere a Capalbio Scalo (Gr). Bastano poche centinaia di metri a piedi per giungere all’oasi Wwf di Burano, ecosistema lacustre-lagunare dove, durante il periodo delle migrazioni, anatre, aironi cenerini e garzette si rispecchiano nelle acque salmastre. Oppure, sempre dalla capitale, da piazzale Flaminio, capolinea della linea regionale Roma-Civitacastellana- Viterbo, potremmo approfittare del treno per arrivare nella Tuscia viterbese. Fabrica di Roma è la fermata più vicina al comune di Caprarola (Vt), da cui è possibile dirigersi a piedi verso il Lago di Vico, di origine vulcanica, uno dei più belli del centro Italia. Qui, tra giunchi e canne palustri, si può ammirare lo svasso maggiore, simbolo dell’omonima riserva naturale regionale. Questo lago, secondo la leggenda creato da Ercole, è dotato di numerosi sentieri, fruibili anche  dai non vedenti. L’ambiente è ricco di canneti, tife e alberi da frutto, mentre sul monte Venere sono presenti dei bellissimi esemplari di faggi secolari.
Sempre da Roma, oppure da Viterbo, si possono raggiungere i laghi vulcanici di Bolsena, di Bracciano e di Martignano con l’omonimo Parco naturale regionale. In alternativa, spingendosi più a sud, si incontra il Lago di Albano, dotato di un anello ciclopedonale molto agevole.

Per approfondire:
www.wwf.it/oasi/toscana/lago_di_burano
www.parchilazio.it
www.comune.caprarola.vt.it
www.lagobraccianoturismo.it
www.lagodibolsena.org
www.castelliromani.net/lagoalbano
www.terratua.net

In canoa verso il basso Adriatico

Vi piace il lago ma amate anche il mare del Sud? In Puglia, nel Parco nazionale del Gargano, questa combinazione trova un mirabile esempio nel Lago di
Laghi Varano
, uno splendido specchio d’acqua separato dal mare Adriatico dall’omonima isola, anch’essa parte della riserva naturale. Anche se si tratta di una laguna alimentata da sorgenti sotterranee, che comunica con il mare tramite due canali, l’intera area è caratterizzata da un fascino suggestivo.
È raggiungibile dalla stazione di Ischitella (Fg), una delle fermate della San Severo-Peschici, linea regionale gestita dalle Ferrovie del Gargano. A Varano si incontra una vegetazione mediterranea di grande varietà, da scoprire facendo il giro del lago in bicicletta, oppure attraversandolo in kayak, in canoa o con i sanhr, caratteristiche barche locali. Se siete stanchi, potete stendervi sulla particolarissima spiaggia all’interno dell’istmo.
Risalendo la costa adriatica verso l’Abruzzo, incontriamo la stazione ferroviaria di Pescara Centrale. Dal suo piazzale parte l’autobus, che dopo circa trenta chilometri giunge nel territorio di Penne (Pe), con la riserva naturale dell’omonimo lago, altra oasi Wwf. La zona nel tempo è divenuta un’importante palestra didattica sulla natura e, tra le tante iniziative, è in corso un progetto di ripopolamento della rarissima lontra.
Da ammirare sono anche il giardino delle farfalle, l’orto botanico e le aree faunistiche con i sentieri attrezzati, e perché non partecipare a un laboratorio di tessitura con telai tradizionali?

Per approfondire:
www.parcogargano.it
conoscere.abruzzoturismo.it
piediluco.altervista.org/it/
www.umbriamobilita.it
www.ferroviedelgargano.com
www.cogecstre.com
www.gtmpescara.it

La gestione sostenibile dei laghi

LaghiI laghi molto spesso costituiscono oltre che importanti contesti ambientali e turistici,  anche riserve idriche, risorse ittiche, sistemi di regolazione idraulica e climatica, direttrici di trasporto per le popolazioni rivierasche e transfrontaliere. È quindi necessario conservare e valorizzare al meglio tali ecosistemi, pianificando una gestione mirata all’abbattimento degli inquinanti immessi, al risanamento e al controllo della qualità delle acque. Specialmente nei laghi con scarso ricambio idrico, l’inquinamento incontrollato può provocare il fenomeno dell’eutrofizzazione, che porta all’asfissia delle acque e quindi alla morte biologica dell’ecosistema. Di questi temi si parlerà dal 1 al 5 settembre a Perugia, dove si terrà la 15a Conferenza mondiale sui laghi, organizzata dall’International lake environment committee. Titolo di quest’anno: «Laghi: lo specchio del pianeta Terra»; tra le numerose sessioni tematiche segnaliamo «Dalle politiche all’azione: buone pratiche di gestione lacuale», curata da Maurizio Bacci, autore di questo articolo.

Per approfondire:
www.wlc15perugia.com
www.irisambiente.it

I POST DI MAURIZIO BACCI NEL BLOG WWF NATURE

Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 1
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 2
Viaggiare lento nell’Appennino veloce – 3
Viaggiare nella Natura – Laghi che passione/1
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/2!
Viaggiare nella Natura-Laghi che passione/3
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 1a Puntata
In Treno sulla Lava: in viaggio con la Ferrovia Circumetnea – 2a Puntata
Turismo lento: il Parco dal finestrino
Ecoturismo a scartamento ridotto
Sulla neve senz’auto – Parte I
Sulla neve senz’auto – Parte 2
Ecoturismo in canoa-1
Ecoturismo in canoa-2

Scritto da Maurizio Bacci

Maurizio Bacci (1960), primo laureato in Italia in Ingegneria Ambientale (1986). Esperto in riqualificazione fluviale, VIA, ingegneria naturalistica, turismo e mobilità sostenibili, efficienza energetica, modelli di vita a basso effetto ambientale, fotografia naturalistica, escursionismo. Ha lavorato per UE, ministeri, regioni, enti territoriali, università, editori, società, ONG. E' amministratore e direttore tecnico della società IRIS (irisambiente.it). Collabora col WWF Italia dal 1979 e attualmente è consigliere nazionale. E' ideatore dei network turismointreno.it e h2oltre.com (educazione ambientale percettiva e creatività multiartistica).

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description