Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

Vacanze WWF
 

Africa: 10 consigli per il tuo safari naturalistico!

leone

Ecco dieci semplici suggerimenti  per rendere memorabili i tuoi safari naturalistici, tra le attività più entusiasmanti da intraprendere durante un viaggio in Africa.  

 



  1. Giraffe (Giraffa camelopardalis)1. Parti preparato
    ! Una volta scelta la meta di viaggio, cerca di conoscere prima della partenza gli ambienti, la natura e  gli usi e i costumi delle popolazioni locali che incontrerai! Il web è un pozzo di informazioni (soprattutto se si conosce l’inglese), basta saperle cercare !

2. Favorisci le economie locali. Sia che tu viaggi da solo, sia che acquisti un pacchetto da un operatore, assicurati che una parte consistente di quanto spenderai per il viaggio, vada a sostenere le economie locali!

3. Occhio esperto Soprattutto all’inizio della tua vacanza, se viaggi in modo indipendente, affidati alle guide naturalistiche locali, in grado di cogliere la presenza di animali anche dove apparentemente sembra che non ci sia nulla…. Inoltre una guida è preparata per introdurti nell’ambiente e spiegarti l’ecosistema in cui ti trovi.

4. Big 5: non solo loro! In Africa non ci sono solo i Big5 da osservare (leone, leopardo, bufalo, rinoceronte, elefante) ma anche uccelli, anfibi, rettili, insetti…..

5. Mondo vegetale. Un altro mondo completamente da scoprire è quello vegetale: alberi, arbusti e tante piante che spesso sono utilizzati in vario modo dagli animali e dalle popolazioni locali. Ecco un motivo in più  per essere accompagnati da una guida locale!

6. Occhio di lince. Abituati a osservare bene l’ambiente in cui ti trovi, per scorgere gli animali presenti (soprattutto quelli più piccoli) e cercare di identificarne la specie.

7. Non solo la specie! Identificare la specie è solo un primo passo. Senza dovere necessariamente diventare un esperto di zoologia, cerca di fare un altro passo: fatti spiegare dalla guida o leggi sui libri, le relazioni, gli adattamenti e i comportamenti degli animali e delle piante che sono alla base della sopravvivenza della specie nell’ambiente in cui vive!

Andohahela Nature Reserve, Madagascar8. Tracce Anche se non vedi nessun animale, cerca di osservare, identificare e interpretare tracce, impronte e segni sulla vegetazione!

9. Sii romantica/o! Non perderti albe e tramonti , sia per i loro colori, ma soprattutto perché sono i periodi in cui la maggioranza degli animali è attiva. Goditi poi i rumori notturni e interpretali con l’aiuto di una guida!

10. Non solo animali & piante. Accendi la tua curiosità anche nei confronti delle comunità locali. Conoscere la loro cultura e le loro abitudini arricchiranno senza dubbio il tuo viaggio. Cerca di imparare anche qualche semplice parola (saluti o termini di cortesia) nella lingua locale: è un segno di attenzione e di rispetto nei confronti delle comunità in cui viaggiamo!

I NOSTRI VIAGGI IN AFRICA

Nella Natura del Kenya: spiagge, safari e villaggi, un tuffo nel cuore dell’Africa

Viaggio individuale nella Natura del Kenya : decidi tu quando partire!

Tanzania: un safari nella natura selvaggia dell’Africa Orientale

Nella natura selvaggia del Sudafrica (di gruppo)

Nella natura selvaggia del Sudafrica (individuale)

 

PER APPROFONDIRE:

Kruger: un viaggio nella natura selvaggia del Sud Africa (dal nostro blog)

Viaggio in Sud Africa: l’incredibile e selvaggia Natura del Kruger in pillole (dal nostro blog)

Africa, viaggio nella Natura: 10 cose da sapere sui Big Five!  (dal nostro blog)

Ecco il viaggio individuale nella Natura del Kenya: decidi tu quando partire!

10 Buoni motivi per scegliere questo viaggio!

Dal Blog WWF NaTuRe – Kenya:racconti di viaggio nella Natura – Prima Puntata

Dal Blog WWF NaTuRe – Kenya:racconti di viaggio nella Natura – Seconda Puntata

Dal Blog WWF NaTuRe – Kenya:racconti di viaggio nella Natura – Terza Puntata

Il Viaggio in Kenya  raccontato su Pinterest

Viaggio in Kenya e in Sud Africa: conosci i rinoceronti in 16 punti!

Scopri cosa fa il WWF per l’elefante 

Scopri cosa fa il WWF per il rinoceronte 

Scritto da Roberto Furlani

Triestino di nascita e milanese di adozione, è responsabile dell'Ufficio Turismo, dopo un passato di ittiologo d'acqua dolce e di educatore ambientale. Le sue principali passioni sono la famiglia, la scrittura (è giornalista) e la lettura. Ama tutti gli sport legati alla natura, in particolare viaggi e escursioni a piedi, in bicicletta e sott'acqua e la genuinità dei prodotti locali... vini compresi, ovviamente!

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description