Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

 

Capodanno fra Basilicata e Puglia. Alla scoperta di antichi ed eterni tesori d’Italia

La Basilicata…difficile non rimanere incantati da questa terra, dalla sua natura, dalla sua storia millenaria, dai suoi paesi che tanto assomigliano a presepi, dalle strane forme delle sue alture e dai paesi arroccati sui ripidi pendii. E che dire di Matera e dei suoi “Sassi”, nel mezzo di un paesaggio quasi lunare come quello della Murgia?

E’ passato poco più di mezzo secolo da quando Carlo Levi venne confinato in questa terra e scrisse “Cristo si è fermato ad Eboli”, ponendo l’accento sul suo isolamento, che probabilmente è stato anche una fortuna per questa terra, per non aver dovuto subire quel “progresso” che ha devastato tanti paesaggi della nostra penisola. Oggi la Basilicata si apre ad un turismo rispettoso del territorio e delle tradizioni dei suoi abitanti, e la gente ne va, giustamente, fiera. Dopo decenni di forzato abbandono i “Sassi” di Matera, case scolpite direttamente nella roccia ed abitate da circa 9000 anni, sono stati restaurati e resi vivibili.

Utilizzati come cornice per “Il vangelo secondo Matteo” di Pasolini, sono diventati patrimonio mondiale della cultura e resi famosi a livello internazionale anche da molti altri film, come “La passione di Cristo” di Mel Gibson. Per chi non conosce la Basilicata il nostro viaggio sarà veramente una scoperta, che farà venir voglia di tornarci

La Puglia…il “tacco dello stivale d’Italia”. Per secoli questo tratto di terra è stato la porta d’Oriente e ha ospitato numerose civiltà, tra cui greci, romani, spagnoli e turchi, che hanno lasciato un segno profondo nell’architettura, nel cibo e nei dialetti locali.

La Puglia vi sorprenderà con il suo pittoresco paesaggio fatto di bianche e antiche città, acque color smeraldo e terreni agricoli lussureggianti punteggiate da infiniti ulivi grigio-argenteo e vigne racchiuse da muretti a secco.

I sapori della cucina, rustica e soddisfacente, con semplici, gustosi piatti come la pasta “orecchiette” servita con una salsa di cime di rapa o pomodoro fresco e ricotta di pecora, e la “burrata”, riprendono i colori di questa terra. In un meraviglioso ambiente che sembra uscito da una fiaba percorreremo alcuni tra gli itinerari culturali più belli della zona e visiteremo borghi antichi dove infinite sorprese ci attendono dietro ogni angolo.

Il WWF consiglia questo viaggio perché:

Il bacino del Mediterraneo, che comprende il Parco nazionale d’Abruzzo, è uno 35 “Priority Places” del Pianeta, di importanza fondamentale per il WWF per la sopravvivenza nostra e della biodiversità della Terra.

– Il WWF ha un proprio Programma Mediterraneo, particolarmente impegnato a lavorare sulla tutela del mare e delle coste del Mare Nostrum.

–  I Sassi  di Matera, che saranno visitati nel corso del viaggio, sono stati dichiarati dall’Unesco “Patrimonio del’Umanità”

– Per come è strutturato e organizzato, l’itinerario consente di assaporare la cucina locale, a cui sono strettamente legati i suoi prodotti, per una alimentazione sana e a Km 0!

– E’ presente per tutto il viaggio una guida/mediatore culturale che ci farà conoscere il territorio in tutti i suoi aspetti, favorendo il contatto con le comunità locali.

– Gli spostamenti in questa vacanza avverranno a piedi e utilizzando mezzi di trasporto collettivo, riducendo quindi impatti e inquinamenti provocati dagli spostamenti effettuati con l’automezzo di proprietà di una singola persona.

– Sarete voi stessi i protagonisti della vacanza. Con le scelte di acquisto che farete, per i pasti e le vostre varie necessità, beneficerete positivamente e direttamente l’economica locale.

– Partecipando a questa vacanza, farete crescere il numero di persone che scelgono una vacanza “ecologica” , sensibilizzando così le amministrazioni pubbliche a investire maggiormente in attività e iniziative di turismo responsabile.

– Grazie al materiale che vi verrà fornito per questa vacanza e ai consigli che vi daremo, potrete viaggiare al meglio, conoscere in modo più approfondito il territorio e minimizzare la vostra impronta! Il turismo, secondo i principi del WWF, deve essere informativo e educativo!

– Perché l’iscrizione al WWF, compresa nella quota del viaggio, consente alla associazione, tramite il suo network internazionale, di proseguire nei progetti per la tutela della biodiversità nel Mediterraneo!

Come  

Viaggio di gruppo con accompagnatore Four Seasons e guide storiche locali a Matera e Castel Del Monte (minimo 7 massimo 14 persone)

Trasporto

Minivan da 9 passeggeri condotto dalla nostra guida

Appuntamento        

Partenza dalla stazione Termini di Roma, alle ore 10.30

Dove dormiamo 

PUGLIA – 3 notti: relais “Casabella” a Martinafranca: http://www.casabellabb.it/

BASILICATA – 2 notti: hotel La Corte (4 stelle) a Matera: http://www.hotellacortematera.it:

Pasti inclusi

Mezza pensione, con colazioni e cene incluse. Cenone di Capodanno incluso. Le colazioni verranno consumate in hotel. Le cene a Matera verranno consumate in hotel, mentre a Martinafranca verranno consumate in ristorante locale.

Pasti non inclusi

I pranzi in corso di escursione (al sacco o in trattorie locali). Bevande del Cenone escluse.

 

PROGRAMMA INDICATIVO

1° giorno 30/12/2016 ROMA/MARTINAFRANCA

Incontro con la nostra guida a Roma Termini e partenza in minivan 9 posti. Sosta per il pranzo durante il tragitto. Arrivo nel tardo pomeriggio a Martinafranca, assegnazione delle camere riservate e relax. Cena in ristorante locale e pernottamento nel nostro relais.

2° giorno 31/12/2016 GROTTE DI CASTELLANA/POLIGNANO/OSTUNI

Dopo colazione partenza per Castellana, per visitare le famose grotte carsiche formatesi nel Cretaceo superiore, circa novanta milioni di anni fa. La bellezza delle Grotte di Castellana si apprezza con una visita guidata che si snoda lungo un percorso di 3 km: una straordinaria escursione a circa 70 metri di profondità, in uno scenario stupefacente, dove caverne dai nomi roboanti, canyon, profondi abissi, fossili, stalattiti, stalagmiti, concrezioni dalle forme originali e dai colori sorprendenti sollecitano la fantasia dei visitatori, in una giornata costellata davvero da tanti piccoli gioielli. Ci sposteremo poi per un pranzo a base di pesce a Polignano a Mare, lo splendido borgo di pescatori sviluppatosi a picco di una falesia a strapiombo sul mare, nella quale si aprono numerose e interessanti grotte. La nostra giornata si concluderà con la visita di Ostuni, denominata “Città Bianca” o “Città Presepe” per via delle sue case imbiancate a calce, tradizione che origina storicamente nel XVII secolo, quando questo fu l’unico modo per evitare che la peste dilagasse nella cittadina. Oggi, la caratteristica imbiancatura rende Ostuni riconoscibile a distanza e indimenticabile ai visitatori. Il borgo antico è ricco di monumenti e aspetti pittoreschi dovuti alla eccezionale conservazione delle caratteristiche costruttive del luogo e delle peculiarità urbanistiche. Cenone di Capodanno in ristorante locale e pernottamento nel nostro relais.

3° giorno 01/01/2017 ALBEROBELLO/MONOPOLI

Dopo la prima colazione, lasceremo Martinafranca (non troppo presto…) alla volta di Alberobello, famosa nel mondo per i suoi trulli, la cui origine è legata a un editto del Regno di Napoli che nel XV secolo sottoponeva a un tributo ogni nuovo insediamento urbano. I conti di Conversano allora imposero ai contadini inviati in queste terre di edificare a secco, in modo che esse potessero configurarsi come costruzioni precarie, di facile demolizione. Dovendo quindi utilizzare soltanto pietre, i contadini trovarono nella forma rotonda con tetto a cupola autoportante, composto di cerchi di pietre sovrapposti, la configurazione più semplice e solida. I tetti a cupola dei trulli sono abbelliti con pinnacoli decorativi, la cui forma è ispirata a elementi simbolici, mistici e religiosi luoghi di provenienza. Pranzo ad Alberobello.

Nel pomeriggio visita di Monopoli, borgo marino per eccellenza, con il suo stretto dedalo di viuzze di origine alto-medievale, sovrapposto ai resti di un abitato fortificato già nel V secolo a.C., che si affaccia sul mare, circondato da alte mura. Cena in ristorante locale e pernottamento nel nostro relais.

4° giorno 02/01/2017 CASTEL DEL MONTE/ALTAMURA

Dopo la colazione, lasceremo Martinafranca e la nostra masseria per partire alla volta di Castel del Monte. Visita al castello, fatto realizzare da Federico II di Svevia nella prima metà del XIII secolo, e inserito nella “World Heritage List” dell’Unesco nel 1996. E’ senza dubbio il più famoso monumento dell’epoca dell’Imperatore Federico II di Svevia e deve la sua importanza all’unicità delle sue forme geometriche che adottano come costante il numero 8, a cominciare dalla pianta ottagonale e di quella delle sue otto torri angolari . Non dispone di strutture difensive e per tale ragione si ritiene che sia stato costruito non per difendere un territorio, ma per “celebrare” l’imperatore ed il potere temporale. Pranzo a Castel Del Monte.

Nel pomeriggio partiremo alla volta di Matera. Durante il tragitto, sosta ad Altamura per degustare in un panificio della Città della Leonessa il celebre pane. Visiteremo anche l’imponente cattedrale federiciana. Arrivo nel tardo pomeriggio a Matera, assegnazione delle camere riservate e relax. Cena e pernottamento in hotel.

5° giorno 3/01/2017   MATERA

Dopo la prima colazione, incontro con la guida per la visita di Matera. Inizieremo dal centro storico, situato al di sopra dei famosi “Sassi” e, dopo la visita alla splendida cattedrale, ci immergeremo nell’atmosfera senza tempo del “Sasso Barisano” e del “Sasso Caveoso”. Divenuti nel 1993 Patrimonio Mondiale dell’Umanità, sono stati scelti come set cinematografici da registi del calibro di Pasolini e Mel Gibson rispettivamente per “Il Vangelo secondo Matteo” e “La passione di Cristo”.

In quest’atmosfera quasi mistica, nel cuore del “Sasso Caveoso” visiteremo una casa-grotta tipicamente arredata secondo gli usi e i costumi del passato e, a seguire, visiteremo una delle chiese rupestri ricche di splendidi affreschi bizantini e benedettini. Pranzo a Matera.

Nel pomeriggio visiteremo Craco, “città-fantasma” abbandonata per via di una frana ed arroccata in cima ad un pinnacolo dei Calanchi (profondi solchi scavati in un terreno cretoso dalla discesa a valle delle acque piovane). Oggi Craco, proprio grazie alla sua storia recente, è diventata una meta turistica ed un set cinematografico per vari film. Rientro a Matera, cena e pernottamento in hotel.

6° giorno 4/01/2017   VENOSA/ROMA

Dopo la colazione, check-out e partenza alla volta di Roma. Durante il tragitto, sosta a Venosa. Situato nell’area del Vulture, è uno dei 196 comuni iscritti all’associazione “I borghi più belli d’Italia”. Le origini di Venosa si perdono nella notte dei tempi. Il sito preistorico di Notarchirico, posto a pochi chilometri dal centro abitato, è il più antico della Basilicata, e deve una parte della sua fama al fatto di aver dato i natali al poeta Quinto Orazio Flacco. Oltre ad essere il più grande lirico della letteratura latina, è noto soprattutto per essere l’autore del “Carpe Diem”. Ancora oggi è possibile ammirare a Venosa la casa in cui visse fino alla sua adolescenza.

Proseguimento verso Roma, sosta per il pranzo durante il tragitto ed arrivo a Roma Termini a metà pomeriggio.

 

 

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description