Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

 

L’ALTRO VOLTO DELLE CINQUE TERRE Sentieri inediti e panorami sconosciuti

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è uno degli angoli d’Italia più famosi al mondo, tanto che alcuni dei suoi sentieri sono ormai “consumati” dagli scarponi dei numerosi escursionisti che li percorrono; ma altri, più lontano dalla costa, riservano ancora il fascino discreto della solitudine. Basta allontanarsi dal mare per percorrere le mulattiere dei contadini, dei commercianti dei pellegrinaggi religiosi e delle processioni. Nelle Cinque Terre cammineremo fino ai Santuari di Soviore e di Montenero e da qui al valico dove nel medioevo confluivano le vie provenienti da La Spezia, Biassa e Carpena, dove potremo ammirare il cipresso che da ben 800 anni fa la guardia al Santuario di Reggio. Nell’ambito di una scenografia naturale di incomparabile bellezza la presenza umana si incastra perfettamente come una gemma preziosa: il verde delle viti che invadono gli spuntoni rocciosi e le pietre delle case donano un notevole contrasto cromatico all’azzurro profondo del mare e del cielo che lo sovrasta. Un territorio in cui mare e terra si fondono in un’area unica e suggestiva. Diciotto km di costa rocciosa con baie, spiagge e fondali profondi, sovrastata da una catena di monti che corrono paralleli al litorale. Terrazzamenti coltivati a vite e a olivo, il cui contenimento è assicurato da antichi muretti a secco.

Le Cinque Terre sono un patrimonio naturalistico di grande varietà. Sentieri e mulattiere dai panorami mozzafiato. Cinque borghi: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore, che si affacciano sul mare. Un ambiente in cui il lavoro secolare di generazioni ha trasformato un territorio inaccessibile in un paesaggio di straordinaria bellezza. Un’Area Marina Protetta e un Parco Nazionale che ne tutelano l’assoluta unicità. Queste, in sintesi, le Cinque Terre, dichiarate dall’UNESCO fin dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

.

Il WWF consiglia questo viaggio perchè

•    Il bacino del Mediterraneo è uno 35 “Priority Places del Pianeta, di importanza fondamentale per il WWF per la sopravvivenza nostra e della biodiversità della Terra. Il WWF ha un proprio Programma Mediterraneo, particolarmente impegnato a lavorare sulla tutela del mare e delle coste del Mare Nostrum.

•    L’itinerario interessa il Parco nazione delle 5 Terre,  inserito nell’elenco del patrimonio mondiale, ambientale e culturale dell’Unesco e area prioritaria per il WWF  nel  bacino del Mediterraneo,  tocca località di pregio dal punto di vista naturalistico-ambientale e storico-etnografico, favorendo quindi un interessante approccio al territorio nella sua complessità.

•    Per come è strutturato e organizzato, l’itinerario consente di assaporare la cucina locale, a cui sono strettamente legati i suoi prodotti, per una alimentazione sana e a Km 0!

•    E’ presente per tutto il viaggio un mediatore culturale che ci farà conoscere il territorio in tutti i suoi aspetti, favorendo il contatto con le comunità locali.

•    Gli spostamenti in questa vacanza avverranno a piedi e utilizzando mezzi di trasporto collettivo, riducendo quindi impatti e inquinamenti provocati dagli spostamenti effettuati con l’automezzo di proprietà di una singola persona.

•    Sarete voi stessi i protagonisti della vacanza. Con le scelte di acquisto che farete, per i pasti e le vostre varie necessità, beneficerete positivamente e direttamente l’economica locale.

•    Partecipando a questa vacanza, farete crescere il numero di persone che scelgono una vacanza “ecologica”, sensibilizzando così le amministrazioni pubbliche a investire maggiormente in attività e iniziative di turismo responsabile.

•    Grazie al materiale che vi verrà fornito per questa vacanza e ai consigli che vi daremo, potrete viaggiare al meglio, conoscere in modo più approfondito il territorio e minimizzare la vostra impronta! Il turismo, secondo i principi del WWF, deve essere informativo e educativo!

•    Perché l’iscrizione al WWF, compresa nella quota del viaggio, consente alla associazione, tramite il suo network internazionale, di proseguire nei progetti per la tutela della biodiversità nel Mediterraneo!

 

Quando

dal 16 al 18 giugno, dal 8 al 10 dicembre (3 giorni / 2 notti)

Come

Viaggio di gruppo con guida (min. 8, max. 15 partecipanti)

Cosa facciamo

Escursioni a piedi di difficoltà media.Visita agli affascinanti e variopinti villaggi disposti su scogliere a picco sul mare; escursioni lungo i sentieri che si districano lungo un paesaggio inviolato, incorniciati da una natura e paesaggi da favola.

Dettagli sulla scala di difficoltà sono riportati sul ns. catalogo, sul ns. sito o cliccando QUI.

Dove dormiamo

Albergo o B&B

Pasti

Colazione in albergo inclusa.

Pasti non inclusi

Pranzi al sacco (autogestiti) e cene in ristoranti locali (non incluse)

Come si raggiunge

Auto privata, mezzi pubblici.

Trasporti locali

Treno e traghetto (non inclusi)

Attrezzatura

Scarponi da trekking, giacca a vento antipioggia, abbigliamento comodo, cappello, occhiali da sole, crema solare protettiva, borraccia, zaino. Per altre informazioni generali sull’attrezzatura e sull’abbigliamento clicca QUI

Per informazioni tel. segreteria viaggi 06 27800984 selezione 50

PROGRAMMA INDICATIVO

1° giorno  DA RIOMAGGIORE A CORNIGLIA
Arrivo a Levanto in mattinata. Sistemazione in hotel ed incontro con la guida. Dopo un breve trasferimento in treno, partendo da Riomaggiore e la sua marina, inizieremo con la visita ai borghi più orientali del parco: ci sposteremo poi a Manarola per una breve passeggiata panoramica a picco sul mare ed uno scorcio sulla famosa “Via dell’Amore”, fino a raggiungere Corniglia, l’unico borgo senza accesso al mare!
Rientro in hotel. Cena in ristorante locale e pernottamento.
Spostamenti giornalieri con treno.

2° giorno DA LEVANTO/PUNTA MESCO/ MONTEROSSO
Dopo la prima colazione in hotel, partiremo per una panoramica escursione che dapprima sale attraverso ville e giardini di Levanto per poi addentrarsi in boschi ombrosi, intervallati da tratti panoramici sul mare, fino a raggiungere i ruderi della quattrocentesca Chiesa di Sant’Antonio e del più antico cenobio, costruito in posizione strategica a Punta Mesco e che fungeva da punto di avvistamento delle navi nemiche. Da qui inizieremo la discesa “per direttissima” sul paese di Monterosso, durante la quale sfioreremo anche la villa del premio Nobel Eugenio Montale. Concluderemo la giornata con una visita al centro abitato di Monterosso, per poi rientrare a Levanto in treno. Cena in ristorante locale e pernottamento.
Dislivello: 365m – Lunghezza: 5 km – Durata: 3 ore

3° giorno DA MONTEROSSO A VERNAZZA A PIEDI
Prima colazione in hotel e partenza per un itinerario che ci porterà a scoprire altri borghi del Parco Nazionale delle Cinque Terre. Dopo un breve trasferimento in treno fino a Monterosso, risaliremo pendici terrazzate, coltivate ad agrumi e viti alternati ad uliveti e a tratti di macchia mediterranea, fino a scorgere il pittoresco abitato di Vernazza. Visiteremo il borgo per poi rientrare, nel primo pomeriggio, in treno a Levanto. Dopo i saluti, rientro ai luoghi di provenienza.
Dislivello: 260m – Lunghezza: 7 km – Durata: 4:00

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description