Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

 

Da Dublino al Connemara: coast to coast nell’Isola di Smeraldo (gruppo)

Sui pedali sotto il cielo più incredibile d’Europa, tra scogliere a strapiombo sul mare, natura incontaminata e paesaggi dai colori accesi: solo visitando l’Irlanda apprezzeremo davvero il verde smeraldo dei prati, l’azzurro intenso del cielo sempre mutevole e il nero targato Guinnes, da sorseggiare al ritmo della tradizionale musica celtica.

Una vacanza in bici dal divertimento assicurato attraverso la capitale Dublino, le contee di Galway e Mayo, il Burren e il selvaggio Ovest.

Le scogliere di Moher, le Isole Aran e una serata di “Irish Dance” saranno le ciliegie sulla torta.

Percorso su strade minori in ambienti rurali e cittadini. Sono presenti dei saliscendi leggeri ma alle volte continui, e qualche tratto molto breve di salite impegnative, da farsi anche a piedi. L’imprevedibile tempo irlandese può rendere più “movimentata” qualche tappa, se una pioggia inattesa o un colpo di vento faranno improvvisamente capolino! Le tappe quindi risultano molto variabili, anche a seconda del ritmo del gruppo. Pedaliamo un massimo di 50 km circa al giorno.

Ogni singolo partecipante deve essere in uno stato di forma psicofisica che gli consenta di poter svolgere e completare l’itinerario della vacanza da lui scelta. In caso contrario, per tutelare l’incolumità del gruppo e del partecipante stesso, l’accompagnatore si riserva il diritto di escluderlo dalle escursioni che riterrà più impegnative.

Questa è una proposta di cicloturismo di Girolibero.

WWF NaTuRe seleziona per voi le migliori proposte di turismo improntato ai valori della sostenibilità ambientale e della qualità di gestione dei servizi e  svolge in questo il suo ruolo di sostenitore del turismo responsabile e sostenibile.

COME ARRIVARE

Ritrovo in aeroporto, al check in, 2 ore prima della partenza del volo.

BICI E ACCESSORI

Citybike robuste ed affidabili, dotate di cambio a 21/27 rapporti con comandi a leva posti sul manubrio. Le bici non hanno borse laterali. Anche se non è obbligatorio, il casco è sempre consigliato. Tuttavia, non vi verrà fornito, per questo consigliamo sempre di avere con sé il proprio.

 

1° Italia – Dublino
Ritrovo all’aeroporto di Milano Linate e partenza con volo Lufthansa per Dublino con scalo a Francoforte. Atterriamo nel pomeriggio nella capitale irlandese, sistemazione in camera e prima uscita tra le ampie e sempre movimentate vie del centro. Cena libera e pernottamento in BB.

2° Dublino – Howth (50 km)
Prima giornata sui pedali nella verde Irlanda. Attraversiamo il centro di Dublino e ci dirigiamo a nord lungo la costa, raggiungiamo Bull Island e continuiamo su una comoda pista ciclabile. Una breve salita ci conduce in cima al promontorio della piccola penisola di Howth, un lembo di terra che si getta nel Mar d’Irlanda. Scendiamo verso il porto in miniatura, dove troviamo qualche foca, beatamente distesa al sole e incurante del vento, e pranziamo in uno dei numerosi pub prima di riprendere la via del ritorno, questa volta per stradine interne. Verso sera saremo contagiati dalla festosa atmosfera di Temple Bar, il quartiere simbolo della “movida” in stile rigorosamente irlandese: ogni pub qui è un meraviglioso luogo d’incontro per giovani e adulti, e fra una pinta di Guinness e una di Kilkenny verremo trascinati in un ballo tradizionale a suono di bodhrán e fiddle. Cena libera e pernottamento in BB.

3° Dublino
Scopriamo a piedi questa città dal passato quantomai travagliato. Partiamo da O’Connell Street, tributo al patriota Daniel O’Connell, difensore dei diritti dei cattolici in una terra anglicana, e considerato il simbolo del nazionalismo irlandese. Attraversiamo il piccolo ed elegante “Ha’penny Bridge” sul fiume Liffey, costruito nel 1816 per sostituire i traghetti che collegavano le due sponde. Salto nel tempo con il Trinity College, dov’è conservato il “Book of Kells”, inestimabile manoscritto miniato realizzato dai monaci irlandesi all’inizio del IX secolo, il più bell’esempio esistente di arte celtica. Dopo la foto di rito presso la statua di “pretty Molly Malone”, proseguiamo lungo Grafton Street, rinomata via dello shopping, per concludere la passeggiata nell’elegante parco di St Stephen’s Green: al primo squarcio di sole, ecco radunarvisi i dublinesi pronti a leggere un libro o a fare un po’ di sport. Concludiamo la giornata con una cena tipica e uno spettacolo di Irish Dance, inframmezzato dalle più celebri canzoni folk irlandesi: Whiskey in the Jar, Molly Malone, Galway Girl, Dirty Old Town, e chi più ne ha più ne metta. Cena in pub locale e pernottamento in BB.

4° Dublino – Galway
Dopo colazione, con un bus privato lasciamo le vie di questa capitale a misura d’uomo per attraversare tutta l’isola e raggiungere l’ovest profondo: Galway ci attende, la vera custode della cultura e dell’identità gaelica. Lungo il percorso ci fermiamo a visitare Clonmacnoise, l’antichissimo monastero risalente al VI secolo fondato da San Ciarán sulla riva orientale del fiume Shannon. Come ogni monumento celtico che si rispetti, anche qui troveremo romantiche rovine in pietra, tra cui la maestosa cattedrale, torri circolari e numerose croci celtiche. La spiritualità e il misticismo che permeano Clonmacnoise sono gli stessi dei monaci medievali, che fondevano la tradizione celtica con il più rigoroso cristianesimo. Nel tardo pomeriggio raggiungiamo Galway. Cena libera e pernottamento in appartamento.

5° Galway (20 km)
Dedichiamo questa giornata alla scoperta di Galway sui pedali, tra angoli nascosti, reti di pescatori appese ad asciugare e alcuni tra gli edifici medievali più belli d’Irlanda. Allo Spanish Arch ci regaliamo un mezzogiorno jazz per entrare fin da subito nel clima musicale che ci accompagnerà per tutta la settimana. Nel pomeriggio visitiamo il porto e il centro storico della città, passeggiando tra vie acciottolate cinte di case ed insegne coloratissime. Infine, dopo aver cenato tutti assieme, continuiamo la serata nei piccoli pub dove la musica tradizionale regna sovrana. Pronti a ballare? Cena libera e pernottamento in appartamento.

6° L’Ovest e il Connemara (50 km)
Assaporiamo il fascino del passato nell’Ovest irlandese. Pedaliamo tra castelli diroccati appartenuti agli antichi clan, e tipici cottage dal tetto in paglia. Saremo circondati a 360° dalle brughiere battute dai venti dell’oceano, spesso gremite di pecore a dir poco “vaporose”, sui cui si aprono torbiere e muretti a secco. Rientriamo nel tardo pomeriggio a Galway sotto gli occhi curiosi dei pony irlandesi. Serata e cena libera; se proprio non riuscite ad affrontare l’Irish Breakfast per colazione, perché non provarlo la sera?! Preparatevi allora ad un piattone colmo di salsicce, pancetta, sanguinaccio bianco e nero, uova, patate bollite, pomodori fritti, funghi e fagioli. Forse un pochino appesantiti ritorniamo al campus per il pernottamento.

7° Burren e scogliere di Moher (30 km)

Giornata libera, che potrete sfruttare per scoprire meglio Galway e i suoi dintorni. La meta preferita in queste zone sono senza dubbio le alte scogliere di Moher, raggiungibili comodamente in bus: impressionanti costoni di roccia a picco sull’oceano fanno di questo tratto di costa un luogo di bellezza estrema, rotta solamente dall’assordante rumore degli uccelli di mare. La serata è libera, divertitevi a scegliere il vostro pub preferito e magari a farvi raccontare qualche storiella del posto dagli irlandesi, sempre pronti a socializzare e a fare un brindisi in compagnia! Cena in libertà e pernottamento in appartamento.

8° Clifden – Kylemore – Roundstone – Ballyconneelly (50 km)
Carichiamo le nostre bici in pulmino e partiamo in direzione di Clifden. Lungo la strada vedremo in tutta la sua imponenza l’Abbazia di Kylemore, che si specchia sull’omonimo Lough (lago), perfettamente incastonata in uno scenario da favola. Una volta prese le biciclette, avremo l’onore di pedalare su una delle strade più spettacolari al mondo: la Sky Road. Stretta e quasi sospesa tra la terra e il cielo, segue il perimetro della penisola di Clifden, gettandosi nell’oceano in una successione di minuscole isole, lingue di terra e spiagge bianchissime. Una vista indimenticabile, condita dai mille colori dell’Irlanda. Proseguiamo poi fino a Roundstone e la baia di Ballyconneely. Ritorniamo in tempo per cenare in compagnia, come sempre con la giusta colonna sonora! Cena libera e pernottamento in appartamento.

9° Isole Aran (30 km)
Altra giornata tutta per voi, ma anche in questo caso abbiamo pronto un suggerimento: dal porto di Rossaveal partono numerosi i traghetti per un’altra meraviglia della natura, le famose isole Aran, tanto decantate nei secoli da musicisti e poeti. Tre leggendarie isole in mezzo all’Atlantico, tuttora roccaforti della lingua e cultura gaelica, le Aran altro non sono che antichissimi tavolati calcarei levigati nei secoli dai venti. È proprio su queste isole che vengono prodotti i tradizionali maglioni in lana, un’occasione in più per un po’ di shopping di qualità! Se il meteo lo consente potrete ad esempio scoprire la più grande, Aran Mór, in bicicletta, avventurandovi tra prati fioriti e file interminabili di muretti a secco. Cena libera, un consiglio? Un ottimo piatto di Irish Beef e… Ith gu leòir (buon appetito)! Rientro nei nostri appartamenti per il pernottamento.

10° Contee di Galway e Mayo (45 km)
Trascorriamo la giornata tra le Contee di Galway e Mayo. Pedaliamo tra i laghi Mask e Corrib fino al villaggio di Cong: riconoscerete sicuramente questi luoghi se avete visto il film “Un uomo tranquillo” di John Ford. Attraversiamo l’incantevole parco dell’Ashford Castle, grandioso maniero che si specchia sul lago con il suo enorme giardino, e infine ritorniamo verso Galway lungo le morbide torbiere. In serata ci troviamo tutti assieme per brindare con un’ultima pinta di Guinness alla nostra vacanza. Cena in un pub locale e pernottamento in appartamento.

11° Galway – Italia

Dopo colazione sfruttiamo le ultime ore libere per un po’ di shopping, prima che un transfer privato ci porti a Dublino per il volo di rientro. Slàn Agat! Arrivederci!

Nonostante la nostra intenzione sia di rispettare il programma indicato, per motivi organizzativi o climatici l’itinerario potrebbe subire qualche lieve modifica, anche in loco. In caso di chiusure di musei, monumenti e siti non prevedibili al momento della pubblicazione del presente programma, ci riserviamo il diritto di sostituire la visita con altri luoghi di interesse, anche in loco.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description