Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

 

Natura e buona cucina

Escursioni in montagna, lezioni di alimentazione e cucina naturale con un’esperta nutrizionista per imparare il “buono e gustoso” fatto con prodotti sani e salutari, trovare uno stile alimentare naturale, per conoscere e riconoscere “i sapori”.

Immersi in questa splendida natura del Parco, ci dedicheremo ad escursioni su bellissimi e suggestivi sentieri di montagna a laboratori di cucina e chiacchierate sulla “Cucina Naturale”, “Vegetariana” e “Vegana” con un’esperta nutrizionista. Per gli amanti delle tradizioni ci sarà l’opportunità di assaggiare i tipici piatti dell’Abruzzo e in particolare della zona montana (tagliatelle ai porcini, arrosticini, formaggio fritto, ecc…).

Ogni giorno sperimenteremo nei laboratori, pratica e teoria della preparazione di alimenti del territorio e di stagione.

Creeremo menù bilanciati nei nutrienti, saporiti e gustosi, per tutte le esigenze. Impareremo come districarci nei prodotti dell’industria alimentare.

Il “lievito madre”, sarà presente nelle nostre sperimentazioni di laboratorio e scopriremo come ottenerlo e come utilizzarlo per fragranti pani, fantastiche focacce e pizze, saporite e digeribili.

Tutto ciò che sarà preparato nei laboratori verrà degustato a tavola nel nostro ristorante, dove ognuno avrà l’opportunità di seguire il proprio regime alimentare (onnivoro, vegetariano o vegano) sempre disponibile.

Un’occasione per scoprire alcune delle zone più belle e curiose del Parco: attraverseremo boschi di faggio, torrenti, cascate e pascoli di alta quota sempre con la speranza di incontrare animali selvatici (come lupo, caprioli e cervi che sono tornati a popolare l’area) o le tracce di un loro passaggio.

Visiteremo inoltre piccoli paesi di montagna e antichi borghi, ormai disabitati, ed effettueremo visite alle strutture del Parco (centri–visita ed aree faunistiche).

Altre attività faranno da cornice alla nostra vacanza: chi vorrà potrà imparare i primi rudimenti di arrampicata su una palestra di roccia artificiale, fare anche escursioni in mountain bike e un rigenerante e divertente bagno al fiume.

 

Un Parco per due montagne, solo così si può sintetizzare la peculiarità della più estesa tra le aree protette in terra d’Abruzzo: la regione verde d’Italia e d’Europa.

Le montagne sono il Gran Sasso e i Monti della Laga: il primo è il “Gigante che dorme” – un frammento di Dolomiti – che, alto e possente, domina con il Corno Grande (2912 m) il centro della nostra penisola; i secondi sono, invece, i monti sconosciuti e selvaggi dove è regina “sorella acqua” che sgorga copiosa già ad alta quota e poi scorre veloce formando ruscelli e torrenti che si irradiano dalla lunga dorsale – ammantata da foreste secolari – in valloni incisi e tortuosi dove sono frequenti spettacolari cascate la cui “voce” fragorosa e poi, via via più sommessa, diffonde nell’aria suoni armoniosi e rilassanti.

Contigui e praticamente “incastrati”, i due gruppi montuosi non potrebbero essere più diversi sia dal punto di vista morfologico, sia da quello geologico: solo la loro natura sedimentaria è comune; per il resto, mentre il Gran Sasso è un grande blocco calcareo – vecchio di duecento milioni di anni – con pareti verticali, cime e guglie frastagliate, i monti della Laga – più semplicemente “Laga” – è un’isola di rocce arenarie molto più “giovani” (sette milioni di anni) e molto più fragili nei confronti degli agenti atmosferici per cui, le pur potenti stratificazioni di arenarie, che sovente raggiungono e superano i 2400 metri, si sfaldano facilmente, si frantumano e si ritrasformano rapidamente nella stessa sabbia che ne costituiva l’intima trama.

Saremo ospiti del paese di Cortino, un piccolo centro montano a 1000 metri s.l.m., sui Monti della Laga, in località Fonte Palumbo presso l’albergo ‘La Pineta’; residenza di montagna, sala ristorante, veranda e comode stanze da 2/3 posti letto con servizi igienici. Questo campo si distingue anche per la cura con cui verranno preparati i nostri pasti utilizzando prodotti sani, naturali, biologici e del territorio.

L’organizzazione fornisce lenzuola, federe, coperte ma non gli asciugamani. Sono necessari indumenti estivi adatti a un clima montano, che comprendano anche: zainetto per escursioni; scarponi da montagna; torcia elettrica; borraccia; mantellina impermeabile; indumenti adatti per escursioni (in quota potrebbe anche fare freddo). È consigliabile portare: binocolo; macchina fotografica; cappello; creme protettive e costume da bagno.

 

 

Dove

Presso l’albergo La Pineta in località Fonte della Palomba – Cortino (TE), residenza di montagna, sala ristorante, veranda e comode stanze da 2/3 posti letto con servizi igienici.
La struttura, posizionata in un punto panoramico, gode di un’ invidiabile visuale e nelle belle giornate lo sguardo spazia fino al mare.

Questo campo si distingue anche per la cura con cui verranno preparati i nostri pasti utilizzando prodotti sani, naturali, biologici e del territorio.

Cosa portare

L’organizzazione fornisce lenzuola, federe, coperte ma non gli asciugamani. Sono necessari indumenti estivi adatti a un clima montano, che comprendano anche: zainetto per escursioni; scarponi da montagna; torcia elettrica; borraccia; mantellina impermeabile; indumenti adatti per escursioni (in quota potrebbe anche fare freddo). È consigliabile portare: binocolo; macchina fotografica; cappello; creme protettive e costume da bagno.

Come arrivare

Per chi viaggia con la propria auto:

A24 “Roma – L’Aquila – Teramo”, uscita casello “Teramo”;
A14 “Ancona – Pescara” uscita casello “Mosciano S’Angelo – Giulianova – Teramo” e prendere la SS 80 in direzione “Teramo”.

Da Teramo proseguire sulla SS 80 in direzione Montorio al Vomano. A circa 6 Km da Teramo, prima di una galleria, svoltare a sinistra su una strada con indicazioni per Cortino, Padula, Valle San Giovanni, ecc.. Su questa strada (SP 47) si incontra dopo circa 15 Km la frazione di Pagliaroli e subito dopo questa un bivio con indicazione Cortino. Dopo circa 1 Km si arriva in località Fonte Palumbo. Appena dopo il forno – alimentari trovate indicazione per La Pineta sulla destra.

Sulla A24 è possibile uscire anche a “ Val Vomano” (prima di Teramo). Da qui seguire le indicazioni per Montorio al Vomano.

Da Montorio al Vomano prendere la SS80 in direzione Teramo e svoltare a destra subito dopo la galleria verso la strada con indicazione Cortino, Padula, Valle San Giovanni, ecc.

Da qui seguire le indicazioni verso Cortino sopra riportate.

APPUNTAMENTO

L’appuntamento è dalle ore 15.30 a Teramo presso l’autostazione di piazzale San Francesco. Da qui ci trasferiremo, dopo una breve visita guidata al centro storico della città, all’albergo. È possibile, previo accordo con la segreteria, raggiungere direttamente l’albergo

 

Un’occasione per scoprire alcune delle zone più belle e curiose del Parco: attraverseremo boschi di faggio, torrenti, cascate e pascoli di alta quota sempre con la speranza di incontrare animali selvatici (come lupo, caprioli e cervi che sono tornati a popolare l’area) o le tracce di un loro passaggio.

Visiteremo inoltre piccoli paesi di montagna e antichi borghi, ormai disabitati, ed effettueremo visite alle strutture del Parco (centri–visita ed aree faunistiche).

Altre attività faranno da cornice alla nostra vacanza: chi vorrà potrà imparare i primi rudimenti di arrampicata su una palestra di roccia artificiale, fare anche escursioni in mountain bike e un rigenerante e divertente bagno al fiume.

Programma del corso di cucina

Primo giorno

Piccola conferenza con la presentazione del corso di “Cucina Naturale e del territorio”

Secondo giorno

La colazione (lezione teorica)

Torte e biscotti (lezione pratica)

Terzo giorno

Il pesce del territorio e della tradizione (lezione Teorica)

Filetti di trota e sugo di baccala (lezione pratica)

Quarto giorno

La cucina naturale e le tradizioni del territorio (lezione Teor)

Tagliolini (pasta tipica fatta a mano con farina del territorio macinata a pietra) pomodoro e basilico

Quinto giorno

Il crudismo e le sue radici

Erbe, semi, e frutta del territorio (Lezione pratica)

Sesto giorno

I cereali (lezione Teorica)

Pasta matta/Arancini di miglio

Ultimo giorno

La cucina Naturale e lo street food (lezione teorica)

Hamburger di legumi e salse vegane (lezione pratica

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description