Tel: +39 02 831331 turismo@wwf.it

 

Perù e Bolivia, in viaggio tra Salares e selva

Per chi decide di raggiungere il Perù,  attraversando l’Oceano Atlantico e l’ America Latina, è difficile resistere alla forza d’attrazione che esercitano Cusco e Machu Picchu.
Cosi, anche un viaggio in Bolivia può rappresentare un pretesto per fare una capatina in Perú e regalarsi qualche giorno per godersi il magnifico connubio tra storia, archeologia e natura.

La Bolivia ha una geografia molto complessa ed aspra, dominata dalle vette andine della Cordigliera Reale e dalla pianura amazzonica. Non ha sbocchi naturali verso l’oceano, ma la natura l’ha dotata di alcuni mari salati d’altura, residui di ciò che l’immenso Lago Minchin era 30-40 mila di anni fa e di cui il Salar de Uyuni è l’esempio più grande e famoso. E’ tempestato da lagune, a loro volta salate, dalla composizione chimica bizzarra che conferisce colori ed odori variegati; è costellato da vulcani ed ospita un campo geotermico ribollente che crea fenomeni simili ai geyser.

La fauna altamente specializzata, come le eleganti vigogne e le tre specie di fenicotteri, impreziosiscono un ambiente estremamente ostile e spettacolare e riportano il viandante sul pianeta Terra.  I pochi insediamenti umani sorgono ai margini del salar – da dove è più semplice estrarre e commercializzare il sale –  e dove il turismo ne ha indotto o incentivato la formazione.

Nemmeno al più distratto ed urbanizzato viaggiatore, passerà inosservata la particolarità della vegetazione, che in questi luoghi è ridotta ad arbusti ed erbe coriacee. Per rimediare alla mancanza di verde e per riportare le membra ad altitudini più umane, non v’è altro modo se non quello di tuffarsi nel bacino amazzonico. Il Parco Nazionale di Madidi è un’area protetta, che si estende dalle vette andine fino alla pianura amazzonica ed ha una biodiversità tra le più alte del pianeta.

UN VIAGGIO DI TURISMO RESPONSABILE!
Viaggio organizzato in collaborazione con PERURESPONSABILE.IT – PERURESPONSABILE.IT ONLUS   (Perù, Dipartimento di Lima).
Si tratta di una organizzazione binazionale con sede in Italia ed in Perù, formata da una ONLUS e da un Tour Operator Specializzato che promuove esperienze di turismo responsabile facendo di questa pratica uno strumento di sviluppo e di lotta alla povertà. Peruresponsabile.it opera al fine di sensibilizzare i viaggiatori verso i temi della responsabilità sociale connessi alla pratica turistica, vero i temi della conservazione ambientale e si pone l’obbiettivo di sostenere le comunità locali coinvolgendole attivamente nella attività commerciale posta in essere affinché il turismo responsabile divenga, anche per loro, una fonte di sviluppo umano ed economico.

 

.

Il WWF consiglia questo viaggio perchè:

•  E’ possibile visitare tre importanti  aree protette del Perù: il Parco Nazionale HuascaránIl Santuario Naturale dei Manglares de Tumbes,  lArea di Conservazione Privata Chaparrì

•  Dal 1969  il WWF sta  lavorando in Perù per sostenere la conservazione della Natur; nel 1998 ha istituito a Lima l’ufficio di Programma

• La parte ecuadoregna delle Ande  fanno parte della ecoregione “Northern Andean Paramo” una delle 238 aree del Pianeta, (ecoregioni) denominate dal WWF “Global 200, con una biodiversità estremamente rappresentativa, da tutelare con priorità.

• Questo viaggio è certificato come viaggio di Turismo Responsabile, in quanto WWF NaTuRe è uno operatore (il primo in Italia) certificato daTravelife, struttura indipendente che certifica secondo i criteri del Global Sustainable Tourism Council, organismo creato dall’UNEP (il programma ambiente delle Nazioni Unite) e dall’UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo).

• Questo viaggio è coerente con i criteri della Carta di Qualità del Turismo Responsabile del WWF.

•  Le strutture ricettive in cui sarete ospitati, sono estremamente funzionali al percorso che realizzerete. Appartengono e vengono gestite, da chi abita sul territorio e impiegano mano d’opera locale. La vostra vacanza ha così una ricaduta diretta sull’economia locale.

•  Gli spostamenti in questa vacanza avverranno utilizzando, OVE POSSIBILE, mezzi di trasporto collettivo, riducendo quindi impatti e inquinamenti provocati dagli spostamenti effettuati con l’automezzo di proprietà di una singola persona.

• Sarete voi stessi i protagonisti della vacanza. Con le scelte di acquisto che farete, per i pasti e le vostre varie necessità, beneficerete positivamente e direttamente l’economica locale.

• Partecipando a questa vacanza, farete crescere il numero di persone che scelgono una vacanza “ecologica”, sensibilizzando così le amministrazioni pubbliche a investire maggiormente in attività e iniziative di turismo responsabile.

• Grazie  ai consigli che vi daremo, potrete viaggiare al meglio, conoscere in modo più approfondito il territorio e minimizzare la vostra impronta! Il turismo, secondo i principi del WWF, deve essere informativo e educativo!

• Perché l’iscrizione al WWF, compresa nella quota del viaggio, consente alla associazione, tramite il suo network internazionale, di proseguire nei progetti per la tutela della biodiversità del Pianeta!

 

Quando
Tutto l’anno.

Durata
15 giorni, 14 notti.

Come
Viaggi individuali e/o di gruppo, con mediatori culturali Peruresponsabile.it e locali.

Cosa facciamo
Escursioni a piedi di difficoltà MEDIA; visita al Parco Nazionale Madidi, navigazione sui fiumi ed escursioni per l’osservazione di fauna e flora silvestre ed interpretazione del bosco.

Dove dormiamo
1 notte a Lima, 1 ad Aguas Calientes, 2 a Cusco,1 notte a La Paz, 1 notte in un hospedaje basico (Laguna Colorada), 1 notte in un alloggio rurale a bordo del Salar, 2 notti in bus, 1 notte a La Paz, 5 notti in un Lodge di selva (Parco Nazionale Madidi)

Pasti inclusi
Pensione completa durante i 5 giorni di soggiorno al Lodge, prima colazione per il resto del viaggio.

Pasti NON inclusi
I pranzi e le cene non specificati.

Come si raggiunge
Voli  per LIMA e da LA PAZ in Italia non inclusi; voli interni A/R LA PAZ-RURRENABAQUE non inclusi.

Considerare per partenze da Roma e da Milano A/R circa € 850,00 da Gennaio a Maggio e circa  € 1.200/1.300 da giugno a settembre con Air France, KLM, Iberia.
Voli interni (considerare circa 150/200 € per tutte le tratte interne.

Perché non includiamo il volo?
Perché come forse sai le tariffe aeree cambiano continuamente, e chi prima prenota meno paga. Per includerlo, dovremmo calcolare un costo “prudenziale”  che ti impedirebbe di usufruire della miglior tariffa disponibile al momento della prenotazione. Per questo preferiamo lasciarti libero di accedere alle migliori condizioni possibili.

A richiesta, possiamo comunque proporti e prenotare la soluzione più conveniente disponibile per il tuo viaggio.

Trasporti locali
Mezzi pubblici e privati a La Paz; pulmino con autista o mezzo pubblico (in funzione del fatto che il tuo viaggio sia individuale o di gruppo, o con compagni di viaggio) in tutto il paese.

Attrezzatura
Abbigliamento adatto a forti escursioni termiche giornaliere, scarponi da trekking, scarpe comode da passeggio, zainetto, borraccia, occhiali da sole, cappello, crema solare, binocolo, macchina fotografica, costume da bagno, abbigliamento in pile.

Per altre informazioni generali sull’attrezzatura e sull’abbigliamento clicca QUI

Documenti
Passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio con almeno 6 mesi di validità ulteriore alla data di partenza. Normative specifiche per i minori. Maggiori info su www.viaggiaresicuri.it 

 

Il programma si presta ad essere una proposta autonoma o un’estensione di una prima parte iniziale di viaggio in Perù.
Sia che si provenga dal Perú che dall’Italia, l’itinerario potrà essere il seguente:

1° giorno – Arrivo a Lima
ITALIA – LIMA
Uno dei nostri collaboratori o responsabili vi verrà ad accogliere all’aeroporto Jorge Chavez di Lima, per trasferirvi all’hotel di Lima. Incontro di coordinamento con un rappresentante di Peruresponsabile per illustrarvi gli ultimi dettagli del viaggio. Cena libera, notte con colazione.

2° giorno – Cusco e dintorni
CITY TOUR DI CUSCO E VISITA AI SITI ARCHEOLOGICI CIRCOSTANTI
Al mattino volo per Cusco e trasferimento al CAITH (o in hotel) Per rendere più approfondita e piacevole la conoscenza di questa meravigliosa città e dei suoi dintorni, vi metteremo a disposizione una competente guida locale in italiano che sarà con voi per 3 giorni, per 4 ore al giorno assistendovi nella scelta delle soluzioni logistiche migliori per gli spostamenti di giornata e, inoltre, guidandovi alla conoscenza delle attrazioni storico archeologiche disseminate in città e nel Valle Sagrado. Dopo colazione, quindi, la vostra guida privata vi aspetterà per il city tour del centro storico del Cusco – anch’esso patrimonio culturale dell’umanità – e per la visita ai siti archeologici che circondano la città. La visita prevede l’immancabile sosta alla Plaza Mayor, il Templo del Sol o Qoriqancha, il mercato di San Pedro. Si continua fuori città per visitare i complessi Incas di Qenqo, Tambomachay, Puca Pucara e l’impressionante Fortezza di Sacsayhuamán, costruita strategicamente su una collina che domina Cusco. La fortezza è famosa per le sue enormi pietre, che formano le pareti esterne del complesso, incastrate fra loro con una perfezione meravigliosa ed inspiegabile. Alcune di queste pietre superano i 9 metri di altezza e pesano più di 350 tonnellate. Pranzo e cena liberi. Notte con colazione.
Il “Caith” (Centro di assistenza integrale alle lavoratrici domestiche), si trova a Cusco e rappresenta uno dei migliori esempi di tutela di giovani bambine altrimenti destinate vita natural durante al “lavoro” domestico, molto spesso in un contesto di privazioni, violenze e disagio sociale. Negli ultimi anni è stata implementata un’ala destinata al Turismo Responsabile che accoglie i viaggiatori interessati a conoscere ed incontrare, in un contesto reale ma comunque turistico, una dimensione più vera ed umana di questa città. Per maggiori informazioni sul progetto CAITH clicca qui

FOCUS: STORIA E ARCHEOLOGIA

3° giorno – Cusco e dintorni
VALLE SAGRADO
Dopo colazione con la vostra guida potrete dirigervi verso la valle sacra degli Incas per una lunga giornata dedicata alla sua conoscenza. Potrete visitare le spettacolari saline incaiche di Maras, ricavate sul pendio di una montagna, ancora oggi utilizzate dagli abitanti del villaggio per l’estrazione del sale; Moray, singolari crateri lavorati a mano e utilizzati dagli Incas per acclimatare i semi di cereali, patate e fiori tropicali alle quote andine. Nel primo pomeriggio dovrete essere a Ollantaytambo (che consigliamo vivamente di visitare!). Ad ora opportuna, dopo un pranzo libero ed autogestito, prenderete il treno per Aguas Calientes (Inca Rail 16:30 – 2 ore circa di viaggio), che vi condurrà alle porte del santuario archeologico di Machu Picchu. Sistemazione in hotel. Cena libera. Notte con colazione
FOCUS: STORIA E ARCHEOLOGIA

4° giorno – Machu Picchu
MACHU PICCHU
Di mattina prestissimo vi trasferirete alla stazione dei pullman di Aguas Calientes per prendere immediatamente la navetta che in soli 30 minuti vi porterà, lungo un cammino zigzagante, verso la meravigliosa cittadella di Machu Picchu. Una volta arrivati, effettuerete una lunga visita guidata della cittadella, visitando la “Plaza Principal”, la Torre Circolare, il sacro Orologio Solare, le abitazioni reali, il Tempio delle Tre Finestre e i cimiteri. Dopo la visita, verrà appositamente lasciato del tempo libero per permettere ad ognuno di godere una passeggiata solitaria nella quale dedicarsi alle foto e al relax in un luogo veramente magico. Nel primissimo pomeriggio, in base all’ora del treno di ritorno, ridiscenderete alla stazione di Aguas Calientes per ritornare a Ollantaytambo (Inca Rail 14:30 o 19:00 – 2 ore circa di viaggio). Arrivo ad Ollantaytambo e trasferimento autonomo a Cusco (2,5 ore circa di viaggio). Cena libera. Notte con colazione.
FOCUS: STORIA E ARCHEOLOGIA, AREE NATURALI PROTETTE

5° giorno – Cusco – La Paz
VOLO CUSCO – LA PAZ
Al Mattino trasferimento con volo da Cusco a La Paz. All’arrivo visita libera alla città e tempo libero per il necessario acclimatamento alle nuove altitudini molto estreme. Siamo in una delle città più “alte” del Sud America e del Mondo. In serata partenza in pullman di linea (servizio Semi Cama o Cama, in base a disponibilità al momento – 10 ore di viaggio). Notte in pullman.
FOCUS: VITA URBANA, STORIA
Possibilità di prevedere il trasferimento a Uyuni in aereo al mattino successivo.

6° giorno – La Paz – Uyuni – Lagune
UYUNI – LAGUNE – HUAYLLAJARA (CIRCA 250 KM)
Arrivo ad Uyuni (3.676 mslm) in mattinata. Espleteremo le operazioni e briefing preliminari, prima di dar inizio al nostro viaggio in una delle zone paesaggistiche e geologicamente interessanti più famose d’America. Durante il cammino odierno e dei giorni successivi, godremo della vista di sterminate pampe arbustive, deserti, vulcani, placide ed indifferenti vigogne al pascolo. Pronti, VIA! Alle porte di Uyuni visiteremo brevemente un cimitero di locomotrici, che iniziò a popolarsi verso la metà del ‘900. Continueremo verso sud, attraversando paeselli (San Cristobal, Culpina, Villa Alota), una volta definiti “autentici” e che ora, a causa o grazie alla presenza di progetti minerari, hanno perso in rusticità e genuinità e guadagnato in modernità. Se le condizioni meteo lo permetteranno, faremo un pic nic nei pressi di capricciose conformazioni rocciose disseminate nella Valle de las Rocas. Giungeremo alle prime di una lunga serie di lagune-saline altoandine: le lagune Khara, Capina (massima altezza del giorno, 4.600 mlsm) ed infine la famosa laguna Colorada (4.298 mslm) dominata dal Volcán Pabellón. E’ così definita per il colore arancione intenso generato da sedimenti minerali (composti del boro) e dai pigmenti di alcuni tipi d’alga, di cui sono ricche le acque. La superficie della laguna Colorada è abbellita ed impreziosita dalla presenza di tre specie di fenicotteri: l’andino, il cileno e quello di James. Ci troviamo all’interno della Riserva Nazionale “Fauna Andina Eduardo Avaroa”. Ci alloggeremo e ceneremo presso un hospedaje basico, a pochi chilometri dalla laguna Colorada, nell’insediamento di Huayllajara (3.789 mslm).
FOCUS: PAESAGGI, BIODIVERSITÁ

7° giorno – Campo geotermico – Puerto Chuvica
HUAYLLAJARA – CAMPO GEOTERMICO – SILOLI – LAGUNE – PUERTO CHUVICA (CIRCA 300 KM)
Ci sveglieremo all’alba, o anche prima, e non faremo colazione. Il motivo di siffatto trattamento è di quelli validi: ci dirigeremo ad osservare emissioni solforose o fumarole del campo geotermico del Sol de Mañana, alla rispettabile altezza di 4.900 mslm. Che ci si trovi in una zona vulcanica…molto vulcanica, si sa, ma la prova inconfondibile è data dalle emissioni di vapore e dai fanghi ribollenti ed appiccicaticci, rosacei, giallognoli e puzzolenti. Proseguiremo verso il mini-Salar di Chalviri, che a prima vista sembrerebbe una laguna…ma non lo è (così come le fumarole di poco fa non sono geyser)! Qui, finalmente, faremo colazione e, se qualcuno ne ha voglia, può immergere le membra in una pozza “termale”, sulla sponda del Chalviri, la cui temperatura è di una trentina di gradi centigradi. Avanti ancora, verso uno dei deserti più spettacolari di tutto il nostro viaggio: Pampajara, famoso per le rocce, che sembrano esservi state lanciate nel corso di una partita a dadi tra titani (rocce di Dalí). Salvo cambiamenti improvvisi, fino alla laguna Verde ed al Volcan Licancabur (5.400 mt.) non arriveremo. Primo, perché la laguna ha cambiato colore per motivi che non sappiamo, ma che sembrano legati a questioni chimico-climatiche (ora è color marroncino, tutt’altro che invitante) e, secondo, perché ci attende il B-Side della laguna Colorada, ovvero il lato più spettacolare della laguna più spettacolare. Quindi faremo dietro-front e dopo l’ennesima deviazione nel mezzo del nulla apparente, ci concederemo un pic nic (sempre se il clima lo consentirà) osservando fenicotteri, oche andine ed altri uccelli residenti nella laguna. A metà pomeriggio completeremo il doppiaggio della laguna ed inizieremo la risalita verso nord. Attraverseremo il deserto Siloli, rendendoci ancora una volta conto di quanto sia bella la semplicità del deserto, i suoi colori ed il senso di libertà che infonde. Un albero di pietra (ma sembrerebbe più un fungo, sempre uscito da un racconto di titani) non potrà non incuriosirci né non ispirare la più ovvia delle foto da viaggio di parrocchia. Nuovamente a bordo per l’ultimo lungo strappo verso il Salar. La catena montuosa che ci accompagna sulla nostra sinistra (ovest), rappresenta il confine naturale con il Cile. Per non rendere il trasferimento troppo monotono, la natura ha messo sul nostro cammino alcune lagune dai nomi pittoreschi: Ramadita, Honda, Chiarkota, Hedionda (ovvero, Puzzolente), Cañapa nonché qualche vulcano dormiente come l’Ollague (5.870 mt). Arriveremo al Salar di Chiguana, attraversato dalla ferrovia resa famosa da Butch Cassidy e Sundance Kid, ammazzati (anche se le cronache parlano di auto-eliminazione) pure loro, da soldati boliviani, un po’ di chilometri più a est, nel paesino di San Vicente. Non attenderemo il passaggio del treno, che oggigiorno parte solo un paio di volte alla settimana: continueremo in parallelo per poi perderli di vista dopo pochi chilometri. Nel tardo pomeriggio arriveremo a Puerto Chuvica, dove risiederemo in un alloggio rurale sul bordo del salar. Cena, notte con colazione.
FOCUS: PAESAGGI, BIODIVERSITÁ

8° giorno – Puerto Chuvica – Salar de Uyuni
SALAR DE UYUNI – PULLMAN PER LA PAZ
Faremo una levataccia per godere dell’alba che, tanto per cambiare, vale davvero il sacrificio fatto. Giocheremo come dei bambini, con le lunghe ombre create dal sole appena sorto. Ci spingeremo fino all’isoletta Incahuasi, coperta di cactus detti columnares, che dicono crescere 1 cm all’anno, dove faremo colazione. Con la pancia piena inizieremo a ragionare e continueremo i nostri giochi interattivi con il salar, questa volta creando effetti fotografici di prospettiva, resi possibili dalla limpidezza dell’aria e dall’assenza di elementi di riferimento tutt’attorno. Dopo un pici nic nel mezzo del salar, ritorneremo a Uyuni, passando per Colchani, un bruttino ed anonimo paesello, famoso per essere popolato da estrattori o raccoglitori di sale. Arrivo a Uyuni nel tardo pomeriggio e trasferimento alla stazione del bus per il ritorno a La Paz (servizio Semi Cama o Cama, in base a disponibilità al momento – partenza alle 19:00 circa – 10 ore di viaggio).
FOCUS: PAESAGGI, BIODIVERSITÁ

– Possibilità di aggiungere un giorno al programma, prevedendo il trasferimento da Uyuni a La Paz in 4X4, passando per il Salar de Coipasa.
– Possibilità di prevedere il trasferimento a La Paz in aereo al mattino successivo

9° giorno – La Paz
LA PAZ
Giornata libera a La Paz. Dopo colazione potremo visitare liberamente il centro storico della città, riprenderci dal faticoso tour al Salar e, perché no, magari organizzare in loco una breve escursione alla valle della Luna. Pranzo e cena liberi. Notte con colazione.

10° giorno – La Paz – Rurrenabaque – Madidi
VOLO LA PAZ – RURRENABAQUE – PARCO NAZIONALE MADIDI 1/5
Sveglia all’alba per trasferirci all’aeroporto e prendere il volo per Rurrenabaque. Dall’aereo potremo notare da una parte la Cordigliera Reale delle Ande e dall’altra il piano amazzonico solcato dai fiumi Beni e Tuichi: in meno di un’ora passeremo dalla zona andina alla zona di selva, cambiando completamente clima, colori e, ovviamente, abbigliamento! Arrivati a Rurrenabaque ci imbarcheremo per raggiungere durante circa 3 ore di viaggio (barche con motore 40hp), il Parco Nazionale di Madidi. Navigheremo controcorrente lungo i fiumi Beni e Tuichi e durante il percorso avremo il primo approccio con la flora e fauna della zona e con alcuni scorci paesaggistici, come il Cañon del Bala. Dopo un paio d’ore faremo una breve sosta e camminata a Caquiahuara per osservare i guacamayos (are) rossi e verdi che nidificano su una parete rocciosa. Arriveremo al lodge verso mezzogiorno e ci sistemeremo in bungalow. Pranzeremo e riposeremo un po’, per poi realizzare una camminata lungo il sentiero Tareche verso il Fiume Aguapolo, dove avremo la possibilità di osservare una grande varietà di uccelli, specialmente pavoncelle, tucani, pappagalli e are. Durante la camminata, con un po’ di fortuna, potremo osservare alcune specie di scimmie e mammiferi, come il chancho tropero (Tayassu pecari), la scimmia ragno e la scimmia urlatrice. Di ritorno al lodge, osserveremo il crepuscolo da un mirador naturale sul fiume Tuichi. Cena e breve camminata per osservazione notturna. Notte con colazione.

11° giorno – Parco Nazionale Madidi
PARCO NAZIONALE MADIDI 2/5
Dopo colazione realizzeremo una camminata lungo il sentiero Mapajo. Saremo accompagnati da una preparatissima guida locale ed avremo l’opportunità di percorrere differenti ecosistemi ed interpretare il bosco tropicale sia dal punto di vista scientifico che tradizionale, soprattutto in quanto a piante medicinali. Osserveremo alberi giganti come il Mapajo o Ceiba, che arrivano a misurare fino a 45 metri. Ritorno all’Ecolodge, pranzo e breve riposo. Nel primo pomeriggio realizzeremo una camminata (circa 3-4 ore a/r), lungo il sentiero Biwa, dove con una certa frequenza si può avvistare la scimmia ragno nera. La camminata ci offre anche una grande opportunità per osservare la vita silvestre delle specie più comuni, come il chancho tropero, la scimmia ragno nera, la scimmia urlatrice, il tucano, la pavoncella e molte altre specie di uccelli. Ritorno all’Ecolodge. Dopo cena realizzeremo una breve camminata notturna verso la “Cullpana Awada” sulle rive di un ruscello, per interpretare e conoscere il comportamento dei mammiferi come il tapiro ed il cervo. Ritorno al lodge. Notte con colazione.

12° giorno – Parco Nazionale Madidi
PARCO NAZIONALE MADIDI 3/5
OPZIONE 1
Dopo colazione, realizzeremo una lunga camminata guidata (circa 4-5 ore a/r) lungo il sentiero “Pava Cullpana”, uno dei sentieri più lunghi della zona, che ci porterà alla cullpana più grande della zona. La cullpana o barrero é una zona speciale del bosco tropicale, dove gli uccelli ed altri animali, arrivano per rifornirsi di Sali minerali presenti nel suolo argilloso. Qui é facile osservare le orme di mammiferi come il tapiro, il cervo, il chancho tropero. Il percorso ci offre la possibilità di avvistare, tra gli altri, la scimmia cappuccino, la scimmia urlatrice, la scimmia barbuta, pavoncelle, tucani ed altre specie. Ritorno all’Ecolodge. Pranzo e breve riposo. Nel primo pomeriggio realizzeremo un’escursione in barca a motore lungo il Fiume Tuichi per realizzare un po’ di Tubing. Rientro al lodge. Cena, notte con colazione.
OPZIONE 2
Dopo colazione risaliremo il fiume Tuichi per un paio d’ore. Ormeggeremo la barca e continueremo a piedi per una mezzoretta, fino ad arrivare al Lago Santa Rosa. Qui potremo realizzare passeggiate in canoa ed osservare il magnifico paesaggio circostante. Pranzeremo sulle rive del lago prima del rientro al lodge. Cena, notte con colazione

13° giorno – Parco Nazionale Madidi
PARCO NAZIONALE MADIDI 4/5
Giornata dedicata in parte alla conoscenza delle attività antropiche di sussistenza e di uso sostenibile delle risorse da parte delle comunità locali.
Dopo colazione, realizzeremo una camminata (3-4 ore a/r), lungo il sentiero Dati, fino a giungere al Chaco. Il Chaco é un luogo dove le famiglie indigene delle terre basse, sviluppano coltivazioni tradizionali di sussistenza. La guida locale vi spiegherà tutto sulle loro attività di sussistenza e coltivazioni tradizionali come la manioca, la banana, la papaya, canna da zucchero, ananas, riso ecc. I prodotti coltivati nel Chaco servono, tra l’altro, per preparare i pasti nel lodge. Ritorno al Lodge. Pranzo e breve riposo. Nel pomeriggio potremo realizzare attività di varia natura che coordineremo direttamente con le nostre guide locali: elaborazione artigianato, camminate per osservazione di fauna ecc. Faremo rientro al lodge ed avremo una cena tradizionale. Dopo cena, breve camminata per osservare insetti ed anfibi ed ascoltare i suoi del bosco di notte. Notte con colazione.

14° giorno – Parco Nazionale Madidi
PARCO NAZIONALE MADIDI 5/5 – RURRENABAQUE – LA PAZ
Dopo colazione realizzeremo una camminata (circa 4 ore a/r) lungo il sentiero Wabu, che ci porterà alla “Cullpana”, dove gli uccelli ed altri animali, arrivano per rifornirsi di sali minerali ed approfittano per immergersi nei fanghi argillosi. Questo sentiero ci offre la possibilitá di osservare chanchos troperos, scimmie urlatrici, scimmie cappuccino, tucani, pavoncelle ed altre specie di uccelli. Ritorno al lodge. Pranzo e partenza per Rurrenabaque. Avremo per l’ultima volta la possibilità di osservare specie esotiche come il caimano nero, il capibara e, con molta fortuna, il giaguaro e la lontra gigante di fiume. Il viaggio di ritorno durerà circa 2 ore. Arrivo a Rurrenabaque e trasferimento in aeroporto. Volo per La Paz. Arrivo a La Paz e trasferimento in hotel. Notte con colazione.

15° giorno – La Paz – Italia
LA PAZ – ITALIA
Ad ora opportuna, trasferimento in aeroporto e volo di ritorno in Italia. E’ necessario presentarsi al checkin con almeno 3 ore di anticipo sull’orario di partenza del volo.

Multimedia

image description

Catalogo

image description

Magazine

image description